Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
ForumOncologico

Trastuzumab per via sottocutanea versus via endovenosa per tumore mammario ERBB2-positivo in fase precoce: analisi finale dello studio HannaH


La conferma della comparabilità a lungo termine tra Trastuzumab ( Herceptin ) per via sottocutanea e via endovenosa è essenziale.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Trastuzumab per via sottocutanea rispetto a quelle di Trastuzumab per via endovenosa nei pazienti con carcinoma mammario in fase precoce positivo per ERBB2 ( HER2 ) dopo 6 anni di follow-up nello studio HannaH ( Enhanced Treatment With Neoadjuvant Herceptin ).

Lo studio clinico di fase 3, in aperto, prospettico, multicentrico, internazionale, neoadiuvante-adiuvante, randomizzato, di non-inferiorità ( endpoint primari: risposta patologica completa e concentrazione sierica pre-dose al ciclo 8 ) è stato condotto su 596 pazienti con tumore mammario ERBB2-positivo in fase iniziale arruolati dal 2009 al 2010.

I pazienti eleggibili hanno ricevuto 8 cicli di chemioterapia ( 4 cicli di Docetaxel, 75 mg/m2, seguiti da 4 cicli di Fluorouracile, 500 mg/m2, Epirubicina, 75 mg/m2, e Ciclofosfamide, 500 mg/m2 ) con Trastuzumab sottocutaneo a dose fissa, 600 mg, o Trastuzumab per via endovenosa ( dose di carico, 8 mg/kg; dose di mantenimento, 6 mg/kg ) ogni 3 settimane in ambiente neoadiuvante.

I pazienti hanno ricevuto ulteriori 10 cicli di Trastuzumab sottocutaneo o Trastuzumab per via endovenosa secondo la loro randomizzazione iniziale dopo un intervento chirurgico in ambito adiuvante per completare 1 anno di terapia anti-ERBB2.

Gli esiti principali erano i tassi di sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale.

In totale, 294 donne ( età media, 50.3 anni ) trattate con Trastuzumab per via sottocutanea e 297 donne ( età media, 49.5 anni ) trattate con Trastuzumab per via endovenosa sono state incluse nelle rispettive popolazioni intention-to-treat.

I tassi di sopravvivenza libera da eventi a 6 anni ( 65% in entrambi i gruppi di studio; hazard ratio, HR=0.98 ) e i tassi di sopravvivenza globale ( 84% in entrambi i gruppi di studio; HR=0.94 ) erano simili tra i gruppi Trastuzumab sottocutaneo ed endovenoso.

Le pazienti che hanno ottenuto una risposta patologica completa totale hanno avuto una sopravvivenza libera da eventi più lunga e tassi di sopravvivenza globale a 6 anni più elevati rispetto a quelle con malattia residua.

Le incidenze di eventi avversi ( 290 su 297, 97.6%, vs 282 su 298, 94.6% ), eventi avversi di grado 3 o superiore ( 158 su 297, 53.2%, vs 160 su 298, 53.7% ), eventi cardiaci ( 44 su 297, 14.8%, vs 42 su 298, 14.1% ) ed eventi avversi gravi ( 65 su 297, 21.9%, vs 45 su 298,15.1% ) erano comparabili tra i gruppi di trattamento con Trastuzumab per via sottocutanea ed endovenosa.

Questa analisi finale dello studio HannaH ha confermato l'efficacia e la sicurezza comparabili del Trastuzumab per via sottocutanea e per via endovenosa, ed ha evidenziato l'idoneità del Trastuzumab sottocutaneo come via di somministrazione alternativa per i pazienti con tumore alla mammella ERBB2-positivo in fase iniziale. ( Xagena2019 )

Jackisch C et al, JAMA Oncol 2019; 5(5):e190339. doi:10.1001/jamaoncol.2019.0339

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro