Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Terapia adiuvante di 6 mesi versus 12 mesi con Trastuzumab nelle pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale positivo per HER2


Dal 2005, la terapia adiuvante di 12 mesi con Trastuzumab ( Herceptin ) ha rappresentato il trattamento standard per le pazienti con tumore alla mammella in fase iniziale positivo per HER2.
Tuttavia, la durata ottimale del trattamento è oggetto di dibattito.

È stato condotto uno studio di non-inferiorità su una esposizione a Trastuzumab più breve ( 6 mesi ) versus i 12 mesi standard per le pazienti con cancro al seno in fase iniziale.

Lo studio in aperto, randomizzato e di fase 3 è stato condotto in 156 Centri in Francia.

Sono stati considerati idonei all’arruolamento pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale, positivo per HER2, che avevano ricevuto almeno 4 cicli di chemioterapia, erano stati sottoposti a chirurgia ascellare e avevano ricevuto fino a 6 mesi di Trastuzumab ( somministrato con infusioni intravenose di 30-90 minuti ogni 3 settimane; dose di carico iniziale 8 mg/kg; 6 mg/kg in seguito ) prima della randomizzazione.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a continuare il trattamento con Trastuzumab per altri 6 mesi ( durata totale 12 mesi; gruppo controllo ) o a interrompere il trattamento con Trastuzumab a 6 mesi ( durata totale 6 mesi; gruppo sperimentale ).

La randomizzazione è stata stratificata per somministrazione concomitante o sequenziale di Trastuzumab con chemioterapia, status del recettore dell’estrogeno e Centro, utilizzando un algoritmo di minimizzazione.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia, con un margine pre-specificato di non-inferiorità di 1.15.

Le analisi sono state condotte nella popolazione per intention-to-treat.

In totale, 1.691 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere 12 mesi di Trastuzumab e 1.693 a ricevere 6 mesi di Trastuzumab; 1.690 pazienti in ciascun gruppo sono stati inclusi nell’analisi per intention-to-treat.

Dopo un follow-up mediano di 42.5 mesi, 175 eventi di sopravvivenza libera da malattia sono stati osservati nel gruppo 12 mesi e 219 in quello 6 mesi.

La sopravvivenza libera da malattia a 2 anni è stata del 93.8% nel gruppo 12 mesi e 91.1% nel gruppo 6 mesi ( hazard ratio, HR=1.28; p=0.29 ).

In totale, 119 ( 93% ) dei 128 eventi cardiaci ( clinici o basati su valutazione della frazione di eiezione ventricolare sinistra ) si sono manifestati mentre i pazienti erano in trattamento con Trastuzumab.
Una proporzione significativamente superiore di pazienti nel gruppo 12 mesi è andato incontro a un evento cardiaco rispetto a quelli del gruppo 6 mesi ( 5.7% vs 1.9%; p inferiore a 0.0001 ).

In conclusione, dopo un follow-up di 3.5 anni, non è stato possibile dimostrare che un trattamento di 6 mesi con Trastuzumab è non-inferiore al trattamento di 12 mesi con lo stesso farmaco.
Nonostante i tassi più elevati di eventi cardiaci, il trattamento adiuvante di 12 mesi con Trastuzmab dovrebbe continuare ad essere lo standard di cura. ( Xagena2013 )

Pivot X et al, Lancet Oncol 2013; 14: 741-748

Onco2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro