Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoPneumologia
Tumore Mammella

Tamoxifene ed Exemestano adiuvante nelle donne con tumore mammario in fase precoce postmenopausale


Dopo 5 anni di follow-up mediano, lo studio TEAM ( Tamoxifen Exemestane Adjuvant Multinational ) non ha riportato differenze nella sopravvivenza libera da malattia tra Exemestano ( Aromasin ) in monoterapia e uno schema sequenziale di Tamoxifene seguito da Exemestano in pazienti in postmenopausa con cancro al seno in stadio precoce positivo al recettore ormonale ( HR+ ).
Poiché il rischio di recidiva nel tumore mammario positivo ai recettori ormonali rimane lineare oltre 5 anni dopo la diagnosi, sono stati analizzati i risultati a lungo termine di questo studio.

Lo studio multicentrico, in aperto, randomizzato, controllato, di fase 3, TEAM, comprendeva pazienti in postmenopausa con cancro mammario HR+ in stadio iniziale provenienti da 9 Paesi.
Le pazienti sono state assegnate casualmente a 5 anni di Exemestano per os in monoterapia ( 25 mg una volta al giorno ) o a uno schema sequenziale di Tamoxifene orale ( 20 mg una volta al giorno ) seguito da Exemestano per una durata totale di 5 anni

Dopo la pubblicazione dello studio IES, il protocollo è stato modificato nel 2004.

Le pazienti assegnate al Tamoxifene sono passate dopo 2.5-3.0 anni alla terapia con Exemestano per una durata totale di 5 anni di trattamento.

I dati di follow-up a lungo termine per la recidiva e la sopravvivenza della malattia sono stati raccolti in 6 Paesi partecipanti.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia a 10 anni di follow-up.

Sono stati inclusi nell'attuale analisi intention-to-treat 6.120 pazienti delle 9.776 pazienti originali nello studio TEAM.

Il follow-up mediano è stato di 9.8 anni.

Durante il follow-up, 921 ( 30% ) su 3.075 pazienti nel gruppo Exemestano e 929 ( 31% ) su 3.045 pazienti nel gruppo sequenziale hanno avuto un evento di sopravvivenza libera da malattia.

La sopravvivenza libera da malattia a 10 anni è stata del 67% per il gruppo Exemestano e del 67% per il gruppo sequenziale ( hazard ratio, HR=0.96, P=0.39 ).

I risultati a lungo termine dello studio TEAM hanno confermato che sia Exemestano da solo che il trattamento sequenziale con Tamoxifene seguito da Exemestano sono opzioni ragionevoli come terapia endocrina adiuvante nelle pazienti in postmenopausa con carcinoma mammario in fase precoce positivo al recettore ormonale.
Questi risultati suggeriscono che può essere possibile individualizzare la strategia endocrina adiuvante, sulla base delle preferenze del paziente, delle comorbilità e della tollerabilità. ( Xagena2017 )

Derks MGM et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1211-1220

Onco2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro