Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori GenitoUrinari

Studio MONARCH 3: Abemaciclib come terapia iniziale per il carcinoma al seno avanzato


Abemaciclib ( Verzenio ), un inibitore ciclina-dipendente delle chinasi 4 e 6, ha dimostrato efficacia come monoterapia e in combinazione con Fulvestrant nelle donne con cancro al seno avanzato positivo al recettore dell’ormone ( HR ), negativo al recettore del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ), precedentemente trattato con terapia endocrina.

MONARCH 3 è uno studio randomizzato in fase III in doppio cieco di Abemaciclib oppure placebo più un inibitore dell'aromatasi non-steroideo in 493 donne in post-menopausa con cancro mammario avanzato HR-positivo, HER2-negativo, che non avevano subito una precedente terapia sistemica in ambito avanzato.

Le pazienti hanno ricevuto Abemaciclib oppure placebo ( programma continuo di 150 mg due volte al giorno ) più 1 mg di Anastrozolo ( Arimidex ) o 2.5 mg di Letrozolo ( Femara ), al giorno.

L'obiettivo primario era la sopravvivenza libera da progressione. Gli obiettivi secondari comprendevano la valutazione e la sicurezza della risposta.

Un'analisi provvisoria pianificata è stata eseguita dopo 189 eventi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata significativamente prolungata nel braccio Abemaciclib ( hazard ratio, HR=0.54, P=0.000021, mediana: non-raggiunta nel braccio Abemaciclib, 14.7 mesi nel braccio placebo ).

Nelle pazienti con malattia misurabile, il tasso di risposta obiettiva è stato del 59% nel braccio Abemaciclib e del 44% nel braccio placebo ( P=0.004 ).

Nel braccio Abemaciclib, la diarrea è stata l'effetto avverso più frequente ( 81.3% ), ma è stata principalmente di grado 1 ( 44.6% ).

Confrontando Abemaciclib e placebo, i più frequenti eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati neutropenia ( 21.1% vs 1.2% ), diarrea ( 9.5% vs 1.2% ) e leucopenia ( 7.6% vs 0.6% ).

In conclusione, Abemaciclib più un inibitore dell'aromatasi non-steroideo è risultato efficace come terapia iniziale, migliorando significativamente la sopravvivenza libera da progressione e il tasso di risposta obiettiva e dimostrando un profilo di sicurezza tollerabile nelle donne con tumore mammario avanzato HR-positivo, HER2-negativo. ( Xagena2017 )

Goetz MP et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3638-3646

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro