Lung Unit
Novartis
Roche Oncologia
BMS

Rucaparib per il carcinoma ovarico ricorrente sensibile al Platino: studio ARIEL3


Nello studio ARIEL3, il trattamento di mantenimento con Rucaparib ( Rubraca ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo.
Sono stati riportati endpoint post-progressione esplorativi prespecificati e dati di sicurezza aggiornati.

In questo studio di fase 3, randomizzato, controllato con placebo, in corso, pazienti di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma ovarico sieroso o endometrioide di alto grado, peritoneale primitivo o delle tube di Falloppio, sensibile al Platino, e un ECOG performance status di 0 o 1 che avevano ricevuto almeno due precedenti regimi chemioterapici a base di Platino e che avevano risposto all'ultimo regime a base di Platino sono state assegnate in modo casuale a Rucaparib orale ( 600 mg due volte al giorno ) oppure placebo in cicli di 28 giorni, con stratificazione basata sullo stato di mutazione del gene di riparazione della ricombinazione omologa, intervallo libero da progressione dopo il penultimo regime a base di Platino e migliore risposta al più recente regime a base di Platino.

L'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione è stato precedentemente riportato.
Sono stati analizzati esiti esplorativi prespecificati di intervallo libero da chemioterapia ( CFI ), tempo all’inizio della prima terapia successiva ( TFST ), tempo alla progressione della malattia durante la terapia successiva o morte ( PFS2 ) e tempo all’inizio della seconda terapia successiva ( TSST ) e sicurezza aggiornata.

Sono state condotte analisi di efficacia in tutte le pazienti randomizzate in tre coorti nidificate: pazienti con mutazioni BRCA, pazienti con deficit di ricombinazione omologa e popolazione intention-to-treat.
Le analisi di sicurezza hanno incluso tutte le pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2014 e il 2016, 564 pazienti sono state arruolate e assegnate in modo casuale a Rucaparib ( n=375 ) o placebo ( n=189 ).
Il follow-up mediano è stato di 28.1 mesi.

Nella popolazione intention-to-treat, l'intervallo mediano libero da chemioterapia è stato di 14.3 mesi nel gruppo Rucaparib rispetto a 8.8 mesi nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR =0.43; P minore di 0.0001 ), TFST mediano è stato di 12.4 mesi rispetto a 7.2 mesi ( HR=0.43; P minore di 0.0001 ), PFS2 mediano è stato di 21.0 mesi rispetto a 16.5 mesi ( HR=0.66; P=0.0002 ) e TSST mediano è stato di 22.4 mesi rispetto a 17.3 mesi ( HR=0.68; P=0.0007 ).

CFI, TFST, PFS2 e TSST erano significativamente più lunghi con Rucaparib rispetto al placebo anche nelle coorti con mutazione BRCA e deficit di ricombinazione omologa.

L'evento avverso emergente dal trattamento di grado 3 o superiore più frequente è stato l'anemia o la riduzione dell'emoglobina ( 80 pazienti, 22%, nel gruppo Rucaparib rispetto a 1 paziente, 1%, nel gruppo placebo ).

Sono stati segnalati eventi avversi gravi correlati al trattamento in 83 pazienti ( 22% ) nel gruppo Rucaparib e 20 pazienti ( 11% ) nel gruppo placebo.
In questo studio erano stati precedentemente riportati due decessi correlati al trattamento; non ci sono stati nuovi decessi correlati al trattamento.

In queste analisi esplorative su un follow-up mediano di oltre 2 anni, il trattamento di mantenimento con Rucaparib ha portato a un differimento clinicamente significativo nell'avvio della terapia successiva e ha fornito benefici clinici duraturi rispetto al placebo in tutte e tre le coorti di analisi.
I dati di sicurezza aggiornati sono stati coerenti con i report precedenti. ( Xagena2020 )

Ledermann JA et al, Lancet Oncology 2020; 21: 710-722

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro