Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
OncoHub

Rischio di ospedalizzazione correlata a neutropenia nelle pazienti trattate con G-CSF assieme a chemioterapia per il cancro al seno


Sono stati descritti i risultati dopo profilassi con fattore stimolante le colonie granulocitarie ( G-CSF ) nei pazienti con tumore alla mammella che hanno ricevuto chemioterapia con un rischio basso-intermedio di indurre ricovero legato alla neutropenia.

Sono state identificate 8.745 pazienti di età a partire da 18 anni da un database medico per 14 piani sanitari degli Stati Uniti.
Questa analisi retrospettiva ha incluso pazienti con cancro alla mammella che hanno iniziato la chemioterapia con il primo ciclo nel periodo 2008-2013 con regimi a base di Docetaxel e Ciclofosfamide ( TC ); Docetaxel, Carboplatino e Trastuzumab ( TCH ); o Doxorubicina e Ciclofosfamide ( AC a dose convenzionale ).

La profilassi primaria è stata definita come somministrazione di G-CSF entro 5 giorni dall'inizio della chemioterapia.

Gli esiti erano neutropenia, febbre, od ospedalizzazione correlata a infezioni entro 21 giorni dall'inizio della chemioterapia.

In totale 4.815 pazienti hanno ricevuto il regime TC ( 2.849 con profilassi primaria; 1.966 senza profilassi primaria ); 2.292 pazienti hanno ricevuto il regime TCH ( 1.444 con profilassi primaria; 848 senza profilassi primaria ); 1.638 pazienti hanno ricevuto il regime AC ( 857 con profilassi primaria; 781 senza profilassi primaria ).

La profilassi primaria era associata a un ridotto rischio di ospedalizzazione legata a neutropenia per il regime TC ( 2.0% con profilassi primaria; 7.1% senza profilassi primaria; odds ratio aggiustato, aOR=0.29 ) e il regime TCH ( 1.3% con profilassi primaria; 7.1% senza profilassi primaria, aOR=0.19 ), ma non per il regime AC ( 4.7% con profilassi primaria; 3.8% senza profilassi primaria, aOR=1.21 ).

Per il regime TC, avrebbero dovuto essere trattate 20 pazienti per 21 giorni al fine di evitare un ricovero in ospedale legato alla neutropenia; con il regime TCH, avrebbero dovuto essere trattate 18 pazienti.

In conclusione, la profilassi primaria con G-CSF è risultata associata a un vantaggio da basso a moderato nel ridurre l'ospedalizzazione correlata a neutropenia nelle pazienti con tumore al seno che hanno ricevuto regimi TC e TCH.
Ulteriori valutazioni sono necessarie per meglio comprendere quali pazienti traggano maggiori benefici dalla profilassi G-CSF in questo ambito. ( Xagena2016 )

Agiro A et al, J Clin Oncol 2016; 34: 3872-3879

Onco2016 Gyne2016 Emo2016 Farma2016


Indietro