Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoHub

Ribociclib è efficace come terapia di prima linea nel carcinoma mammario avanzato HR-positivo


Nelle pazienti che hanno subito un trattamento sistemico iniziale per il cancro al seno HR-positivo e HER2-negativo, avanzato, la durata della sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga per le donne trattate con Ribociclib ( Kisqali ) più Letrozolo ( Femara ) rispetto a quelle trattate con placebo più Letrozolo.

Si è ipotizzato in uno studio che l'inibizione delle chinasi ciclina-dipendenti 4 e 6 ( CDK4/6 ) possa potenzialmente superare o ritardare la resistenza alla terapia endocrina nel tumore alla mammella avanzato positivo per il recettore ormonale ( HR ) e negativo per il recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ).

Nello studio randomizzato, controllato con placebo, di fase 3, è stata valutata l'efficacia e la sicurezza dell’inibitore selettivo CDK4/6 Ribociclib in combinazione con Letrozolo per il trattamento di prima linea in 668 donne in post-menopausa con cancro alla mammella HER2-negativo HR-positivo ricorrente o metastatico che non avevano ricevuto una precedente terapia sistemica per la malattia avanzata.

Le pazienti sono state randomizzate a ricevere Ribociclib ( 600 mg al giorno in un programma con 3 settimane e una settimana off ) più Letrozolo ( 2.5 mg al giorno ) oppure placebo più Letrozolo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza generale, il tasso di risposta globale e la sicurezza.

La durata della sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Ribociclib rispetto al gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.56; P = 3.29 x 10-6 per la superiorità ).

La durata mediana del follow-up è stata di 15.3 mesi.

Dopo 18 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato del 63.0% nel gruppo Ribociclib e del 42.2% nel gruppo placebo.

Nelle pazienti con malattia misurabile al basale, il tasso di risposta globale è stato, rispettivamente, del 52.7% e del 37.1% ( P minore di 0.001 ).

I comuni eventi avversi di grado 3 o 4 segnalati in oltre il 10% delle pazienti in entrambi i gruppi sono stati neutropenia ( 59.3% nel gruppo Ribociclib vs 0.9% nel gruppo placebo ) e leucopenia ( 21.0% vs 0.6% ); le percentuali di interruzione dello studio a causa di eventi avversi sono state, rispettivamente, 7.5% e 2.1%.

In conclusione, tra le pazienti che hanno ricevuto un trattamento sistemico iniziale per il carcinoma alla mammella avanzato HR-positivo HER2-negativo, la durata della sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga per le donne trattate con Ribociclib più Letrozolo rispetto a quelle trattate con placebo più Letrozolo, con una maggiore incidenza di mielosoppressione nel gruppo Ribociclib. ( Xagena2016 )

Hortobagyi GN et al, N Engl J Med 2016; 375: 1738-1748

Gyne2016 Onco2016 Farma2016


Indietro