Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore polmone
Tumore Ovaie

Palbociclib più Exemestano con agonista GnRH versus Capecitabina in donne in premenopausa con cancro al seno metastatico HER2-, HR+


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e in postmenopausa con tumore mammario metastatico HER2-negativo, positivo ai recettori ormonali.
Nella pratica clinica del mondo reale, tuttavia, un numero considerevole di pazienti viene trattato con chemioterapia.

Sono state confrontate l'attività antitumorale clinica e la sicurezza di Palbociclib ( Ibrance ) più terapia endocrina con quelle della chemioterapia con Capecitabina ( Xeloda ) nelle donne in premenopausa con tumore mammario metastatico HER2-negativo, HR-positivo.

Uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 2 è stato condotto in 14 centri accademici della Corea del Sud.
Sono state incluse le donne in premenopausa di età pari o superiore a 19 anni con tumore alla mammella HR-positivo, HER2-negativo, che era recidivato o progredito durante la precedente terapia con Tamoxifene e con un ECOG performance status di 0-2.
Era consentita una linea di chemioterapia precedente per tumore mammario metastatico.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Palbociclib più terapia endocrina di combinazione ( Exemestano [ Aromasin ] orale 25 mg al giorno per 28 giorni e Palbociclib orale 125 mg al giorno per 21 giorni ogni 4 settimane più Leuprolide 3.75 mg per via sottocutanea ogni 4 settimane ) o chemioterapia ( Capecitabina orale 1.250 mg/m2 2 volte al giorno per 2 settimane ogni 3 settimane ).

La randomizzazione è stata stratificata in base alla precedente chemioterapia per tumore mammario metastatico e metastasi viscerali.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. Tutte le analisi sono state condotte in una popolazione modificata per intention-to-treat.

Tra il 2016 e il 2018 sono stati arruolati 189 pazienti, di cui 184 assegnati in modo casuale al gruppo di terapia endocrina più Palbociclib ( n=92 ) o al gruppo Capecitabina ( n=92 ).
6 pazienti nel gruppo Capecitabina si sono ritirati dallo studio prima della somministrazione del farmaco; pertanto, 92 pazienti nel gruppo di terapia endocrina con Palbociclib e 86 pazienti nel gruppo Capecitabina sono stati inclusi nelle analisi modificate per intention-to-treat.
46 pazienti su 92 ( 50% ) nel gruppo con terapia endocrina più Palbociclib e 45 su 92 ( 51% ) nel gruppo Capecitabina erano naive-al-trattamento per cancro al seno metastatico.

Durante un follow-up mediano di 17 mesi, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 20.1 mesi nel gruppo Palbociclib più terapia endocrina rispetto a 14.4 mesi nel gruppo Capecitabina ( hazard ratio, HR=0.659, log-rank P unilaterale=0.0235 ).

La neutropenia di grado 3 o peggiore correlata al trattamento è risultata più comune nel gruppo con terapia endocrina più Palbociclib rispetto al gruppo Capecitabina ( 69 su 92, 75%, vs 14 su 86 pazienti, 16% ).
2 pazienti ( 2% ) nel gruppo terapia endocrina con Palbociclib e 15 pazienti ( 17% ) nel gruppo Capecitabina hanno presentato eventi avversi gravi correlati al trattamento.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Exemestano più Palbociclib con soppressione della funzione ovarica ha mostrato un beneficio clinico rispetto alla Capecitabina in termini di una migliore sopravvivenza libera da progressione in pazienti in premenopausa con tumore mammario metastatico HER2-negativo, positivo per i recettori ormonali.
Palbociclib più Exemestano con soppressione ovarica è un'opzione di trattamento attivo nelle pazienti in premenopausa con tumore mammario metastatico HER2-negativo, HR-positivo, pretrattati con Tamoxifene. ( Xagena2019 )

Park YH et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1750-1759

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro