Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Palbociclib neoadiuvante più Giredestrant o Anastrozolo nel tumore mammario in fase iniziale, positivo per i recettori degli estrogeni, HER2-negativo: studio coopERA Breast Cancer


Lo sviluppo di antagonisti e degradatori selettivi dei recettori degli estrogeni ( SERD ) più potenti che possono essere somministrati per via orale potrebbe aiutare ad affrontare i limiti delle attuali terapie endocrine.

Sono state riportate le analisi primarie e finali dello studio coopERA Breast Cancer, progettato per verificare se Giredestrant, un antagonista e degradatore selettivo dei recettori degli estrogeni orale altamente potente, non-steroideo, mostri un effetto antiproliferativo più forte di Anastrozolo dopo 2 settimane per il tumore mammario precoce positivo ai recettori estrogenici ( HR-positivo ), HER2-negativo, non-trattato.

In uno studio di fase 2 in aperto, randomizzato e controllato, le donne in post-menopausa erano ammissibili se avevano almeno 18 anni; avevano un tumore al seno in stadio iniziale T clinico ( cT ) da 1c a cT4a-c ( 1.5 cm o superiore entro cT1c ) HR-positivo, HER2-negativo, non-trattato; un ECOG performance status pari a 0-1; e un punteggio Ki67 basale di almeno il 5%.

Lo studio è stato condotto in 59 ospedali o cliniche in 11 Paesi a livello globale. Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a Giredestrant 30 mg per via orale al giorno o a Anastrozolo ( Arimidex ) 1 mg per via orale al giorno nei giorni 1-14 ( fase finestra di opportunità ).

La randomizzazione è stata stratificata in base allo stadio cT, al punteggio Ki67 basale e allo stato dei recettori del progesterone.

Una fase neoadiuvante di 16 settimane comprendeva lo stesso regime più Palbociclib 125 mg per via orale al giorno nei giorni 1-21 di un ciclo di 28 giorni, per 4 cicli.

L'endpoint primario era la variazione relativa della media geometrica del punteggio Ki67 dal basale alla settimana 2 nei pazienti con punteggi Ki67 centrali completi al basale e alla settimana 2 ( fase finestra di opportunità ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Nel periodo 2020-2021, 221 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al gruppo Giredestrant più Palbociclib ( Ibrance ) ( n=112; età mediana 62.0 anni ) o al gruppo Anastrozolo più Palbociclib ( n=109; età mediana 62.0 anni ). 15 dei 221 pazienti ( 7% ) erano asiatici, 3 ( 1% ) erano neri o afroamericani, 194 ( 88% ) erano bianchi e 9 ( 4% ) erano di etnia sconosciuta.

Al cut-off dei dati per l'analisi primaria ( luglio 2021), la riduzione relativa della media geometrica di Ki67 dal basale alla settimana 2 è stata di -75% con Giredestrant e -67% con Anastrozolo ( P=0.043 ), raggiungendo l'endpoint primario.

All'analisi finale ( cut-off dei dati novembre 2021 ), gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia ( 29 su 112, 26%, nel gruppo Giredestrant più Palbociclib vs 29 su 109, 27%, nel gruppo Anastrozolo più Palbociclib ) e diminuzione della conta dei neutrofili ( 17, 15%, vs 16, 15% ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 5 pazienti ( 4% ) nel gruppo Giredestrant più Palbociclib e in 2 pazienti ( 2% ) nel gruppo Anastrozolo più Palbociclib.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento. Un paziente è deceduto a causa di un evento avverso nel gruppo Giredestrant più Palbociclib ( infarto del miocardio ).

Giredestrant sembra offrire un'attività antiproliferativa e antitumorale incoraggiante ed è risultato ben tollerato, sia come agente singolo che in combinazione con Palbociclib. I risultati giustificano ulteriori indagini negli studi in corso. ( Xagena2023 )

Hurvitz SA et al, Lancet Oncology 2023; 24: 1029-1041

Gyne2023 Onco2023 Farma2023



Indietro