Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
OncoGeriatria

Niraparib combinato con Pembrolizumab per il trattamento del tumore alla mammella triplo negativo avanzato o metastatico


L’inibitore dell'enzima PARP ( poli-adenosina difosfato-ribosio polimerasi ) e la monoterapia con inibitore del recettore PD-1 hanno mostrato un'attività clinica limitata in pazienti con tumore mammario triplo negativo in fase avanzata ( TNBC ).

Sono state valutate l'attività clinica ( primaria ) e la sicurezza ( secondaria ) del trattamento in associazione con Niraparib ( Zejula ) e Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con tumore TNBC avanzato o metastatico.

Uno studio di fase 2 in aperto, a braccio singolo, ha arruolato 55 pazienti idonee con tumore TNBC avanzato o metastatico indipendentemente dallo stato di mutazione BRCA o dall'espressione di PD-L1 in 34 siti statunitensi.
I dati sono stati raccolti dal 2017 al 2018 e analizzati nel periodo 2018-2019.

Alle pazienti sono stati somministrati 200 mg di Niraparib orale una volta al giorno in associazione a 200 mg di Pembrolizumab per via endovenosa il giorno 1 di ciascun ciclo di 21 giorni.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.
Gli endpoint secondari erano sicurezza, tasso di controllo della malattia ( DCR; risposta completa più risposta parziale più malattia stabile ), durata della risposta ( DOR ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ).

Nell'intera popolazione di studio di 55 donne ( età mediana, 54 anni ), 5 pazienti hanno avuto risposte complete confermate, 5 risposte parziali confermate, 13 malattia stabile e 24 malattia progressiva.

Nella popolazione valutabile per l'efficacia ( n=47 ), il tasso ORR ha riguardato 10 pazienti ( 21% ) e il tasso DCR 23 ( 49% ).
La durata mediana della risposta non è stata raggiunta al momento del cut-off dei dati, con 7 pazienti ancora sottoposte a trattamento al momento dell'analisi.

In 15 pazienti valutabili con mutazioni tumorali BRCA, il tasso ORR comprendeva 7 pazienti ( 47% ), il tasso DCR 12 ( 80% ) e la sopravveivenza mediana senza progressione è stata pari a 8.3 mesi.

In 27 pazienti valutabili con tumori BRCA wild-type, il tasso ORR comprendeva 3 pazienti ( 11% ), il tasso DCR 9 ( 33% ) e la sopravvivenza PFS mediana è stata pari a 2.1 mesi.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di grado 3 o superiore sono stati anemia ( 10, 18% ), trombocitopenia ( 8, 15% ) e affaticamento ( 4, 7% ).
Eventi avversi immuno-correlati sono stati riportati in 8 pazienti ( 15% ) ed erano di grado 3 in 2 pazienti ( 4% ); non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza.

La combinazione di Niraparib più Pembrolizumab ha fornito una promettente attività antitumorale in pazienti con carcinoma mammario triplo negativo avanzato o metastatico, con tassi di risposta numericamente più alti nelle pazienti con mutazioni tumorali BRCA.
La terapia di combinazione è stata sicura con un profilo di sicurezza tollerabile, il che garantisce ulteriori indagini. ( Xagena2019 )

Vinayak S et al, JAMA Oncol 2019; 5: 1132-1140

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro