Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Melanome
Tumore prostata

Metastasi cerebrali nel cancro alla mammella appena diagnosticato


Mancano le stime basate sulla popolazione dell'incidenza e prognosi delle metastasi cerebrali alla diagnosi di carcinoma mammario.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare le proporzioni di incidenza e le sopravvivenze mediane dei pazienti con tumore al seno e metastasi cerebrali al momento della diagnosi di cancro.

I pazienti con tumore al seno e metastasi cerebrali al momento della diagnosi sono stati identificati utilizzando il database SEER ( Surveillance, Epidemiology e End Results ) del National Cancer Institute ( NCI ).
I dati sono stati stratificati per sottotipo, età, sesso ed etnia. Sono stati identificati i predittori della presenza di metastasi cerebrali alla diagnosi e i fattori associati alla mortalità per tutte le cause.

Per l’incidenza, è stato identificato un campione basato sulla popolazione di 238.726 pazienti adulti con diagnosi di carcinoma mammario invasivo tra il 2010 e il 2013 per i quali era nota la presenza o l'assenza di metastasi cerebrali alla diagnosi.
I pazienti diagnosticati all'autopsia o con un follow-up sconosciuto sono stati esclusi dall'analisi di sopravvivenza, lasciando 231.684 pazienti in questa coorte.

L’esito principale era la percentuale di incidenza e la sopravvivenza mediana dei pazienti con metastasi cerebrali e neoplasia mammaria di nuova diagnosi.

Sono stati identificati 968 pazienti con metastasi cerebrali al momento della diagnosi di carcinoma mammario, rappresentando lo 0.41% dell'intera coorte e il 7.56% del sottogruppo con malattia metastatica in qualsiasi sito.
In totale 57 avevano tra 18 e 40 anni, 423 avevano tra 41 e 60 anni, 425 avevano tra 61 e 80 anni e 63 avevano più di 80 anni. 10 erano maschi e 958 erano donne.

Le percentuali di incidenza sono state più alte tra i pazienti con sottotipi negativi per il recettore ormonale ( HR ), positivi per il recettore del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) ( 1.1% nell'intera coorte, 11.5% tra i pazienti con malattia metastatica a qualsiasi sito distante ) e triplo negativo ( 0.7% in tutta la coorte, 11.4% tra i pazienti con malattia metastatica a qualsiasi sito distante ).

La sopravvivenza mediana dell'intera coorte con metastasi cerebrali è stata di 10.0 mesi

I pazienti con sottotipo HR-positivo, HER2-positivo hanno mostrato una sopravvivenza mediana più lunga ( 21.0 mesi ); i pazienti con sottotipo triplo negativo hanno mostrato una sopravvivenza mediana più breve ( 6.0 mesi ).

In conclusione, i risultati di questo studio hanno fornito stime basate sulla popolazione dell'incidenza e della prognosi per i pazienti con metastasi cerebrali al momento della diagnosi di cancro mammario.
I risultati forniscono supporto all’imaging per lo screening del cervello nei pazienti con sottotipi HER2-positivi o triplo-negativi e metastasi extracraniche. ( Xagena2017 )

Martins AM et al, JAMA Oncol 2017; 3: 1069-1077

Gyne2017 Onco2017



Indietro