Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumore Vescica

Letrozolo come terapia endocrina di prima linea con o senza Bevacizumab per il trattamento delle donne in postmenopausa con carcinoma alla mammella positivo ai recettori ormonali in stadio avanzato


Si è valutato se la terapia anti-fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( anti-VEGF ) con Bevacizumab ( Avastin ) prolunghi la sopravvivenza libera da progressione quando viene aggiunta a Letrozolo ( Femara ) di prima linea come trattamento del carcinoma mammario metastatico positivo ai recettori ormonali.

Le donne con MBC positivo ai recettori ormonali ( HR+ ) sono state randomizzate ( rapporto 1:1 ) in uno studio multicentrico, in aperto, di fase III, con Letrozolo ( 2.5 mg per os al giorno ) associato o meno a Bevacizumab ( 15 mg/kg per via endovenosa una volta ogni 3 settimane ) all'interno di strati definiti da malattia misurabile e intervallo libero da malattia.
Lo studio aveva un potere del 90% di rilevare un miglioramento del 50% nella sopravvivenza mediana libera da progressione da 6 a 9 mesi.

Dal 2008 al 2011, sono state reclutate 350 donne; 343 hanno ricevuto il trattamento e sono state osservate per l'efficacia e la sicurezza.
L'età media era di 58 anni.
Il 62% delle donne aveva una malattia misurabile, e il 45% aveva tumore alla mammella metastatico de novo.

A un follow-up mediano di 39 mesi, l'aggiunta di Bevacizumab ha comportato una significativa riduzione del rischio di progressione ( hazard ratio, HR=0.75; P=0.016 ) e un prolungamento della sopravvivenza mediana libera da progressione da 15.6 mesi con Letrozolo a 20.2 mesi con Letrozolo più Bevacizumab.

Non vi è stata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza generale ( HR=0.87; P=0.188 ), con una sopravvivenza globale mediana di 43.9 mesi con Letrozolo rispetto a 47.2 mesi con Letrozolo più Bevacizumab.

I maggiori incrementi di tossicità di grado 3 o 4 correlata al trattamento con l'aggiunta di Bevacizumab hanno riguardato ipertensione ( 24% vs 2% ) e proteinuria ( 11% vs 0% ).

In conclusione, l'aggiunta di Bevacizumab a Letrozolo ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione nel tumore mammario positivo ai recettori ormonali, metastatico, ma questo beneficio era associato a un aumento del rischio di tossicità di grado 3 o 4.
La ricerca sui marcatori predittivi dovrà chiarire il ruolo di Bevacizumab. ( Xagena2016 )

Dickler MN et al, J Clin Oncol 2016; 34: 2602-2609

Onco2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro