Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumori GenitoUrinari

Incorporazione di Pazopanib nella terapia di mantenimento per il cancro ovarico


Pazopanib ( Votrient ) è un inibitore orale delle chinasi del recettore del fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGFR ) -1 / -2 / -3, del recettore del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFR ) -alfa / -beta e di c-Kit.
Studi preclinici e clinici hanno indicato che VEGFR e PDGFR sono bersagli per il trattamento avanzato del cancro ovarico.

Uno studio ha valutato il ruolo di una terapia di mantenimento con Pazopanib nei pazienti con carcinoma ovarico la cui malattia non era progredita durante la chemioterapia di prima linea.

940 pazienti con istologicamente confermato tumore dell'ovaio, tumore della tuba di Falloppio, o tumore del peritoneo, stadio II-IV FIGO ( International Federation Gynecology Obstetrics ), senza evidenza di progressione dopo la terapia primaria costituita da un intervento chirurgico e almeno 5 cicli di chemioterapia Platino - taxano sono state randomizzate a ricevere Pazopanib 800 mg una volta al giorno oppure placebo per un massimo di 24 mesi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione in base ai criteri RECIST 1.0.

Il mantenimento con Pazopanib ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo ( hazard ratio, HR=0.77; P=0.0021; media, 17.9 vs 12.3 mesi, rispettivamente ).

L’analisi di sopravvivenza ad interim basata sugli eventi nel 35.6% della popolazione non ha mostrato alcuna differenza significativa.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 come ipertensione ( 30.8% ), neutropenia ( 9.9% ), tossicità correlata al fegato ( 9.4% ), diarrea ( 8.2% ), affaticamento ( 2.7% ), trombocitopenia ( 2.5% ) ed eritrodisestesia palmo-plantare ( 1.9% ) erano significativamente più alti nel braccio Pazopanib.

L’interruzione del trattamento relativa ad eventi avversi è stata più alta tra le pazienti trattate con Pazopanib ( 33.3% ) rispetto al placebo ( 5.6% ).

In conclusione, la terapia di mantenimento con Pazopanib ha procurato un miglioramento medio di 5.6 mesi ( HR=0.77 ) nella sopravvivenza libera da progressione nelle pazienti con tumore alle ovaie in stadio avanzato che non sono progredite dopo chemioterapia di prima linea.
I dati di sopravvivenza globale fino a questo punto non hanno evidenziato alcun beneficio.
Ulteriori analisi dovrebbero contribuire a identificare sottogruppi di pazienti in cui una migliore efficacia può bilanciare la tossicità. (  Xagena2014  )

du Bois A et al, J Clin Oncol 2014;32:3374-3382

Onco2014 Gyne2014 Farma2014


Indietro