Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
Tumore Ovaie

Everolimus e Letrozolo nel carcinoma endometriale recidivante


Il percorso fosfoinositolo-3 chinasi ( PI3K ) è frequentemente deregolato nel cancro dell'endometrio.
La manipolazione ormonale porta a risposte in alcuni pazienti con tumore dell’endometrio, ma è stata documentata resistenza derivante dall'attivazione del percorso PI3K.
Considerare come target mTOR ( bersaglio della rapamicina nei mammiferi ) può permettere il superamento della resistenza del sistema endocrino.

È stato condotto uno studio di fase II di Everolimus ( Afinitor ) e Letrozolo ( Femara ) in donne con ricorrente cancro dell'endometrio.

Le pazienti sono state considerate incurabili, con malattia misurabile, e erano state trattate, in precedenza, con un massimo di due regimi citotossici.

Everolimus è stato somministrato per via orale a 10 mg al giorno e Letrozolo è stato somministrato per via orale a 2.5 mg al giorno.
Ciascun ciclo consisteva di 4 settimane di terapia.

Le pazienti sono state trattate fino a progressione, tossicità, o risposta completa ( CR ).

L'endpoint primario era il tasso di beneficio clinico ( CBR ), definito come risposta completa, risposta parziale o malattia stabile ( 16 settimane o più ) dai criteri RECIST 1.0.

Sono stati eseguiti studi traslazionali per correlare i biomarcatori con la risposta.

Sono state arruolate 38 pazienti ( età media, 62 anni, range 24-82 anni ). 35 pazienti erano valutabili per la risposta.

Il tasso di beneficio clinico è stato pari al 40% ( 14 pazienti su 35 ); il numero mediano di cicli tra le responder è stato di 15 ( range, da 7 a 29 cicli ).

Il tasso di risposta oggettiva confermato ( RR ) è stato del 32% ( 11 pazienti su 35, 9 risposta completa e 2 risposte parziali; mediana 15 cicli; range, da 8 a 29 cicli ).

Il 20% delle pazienti ( 7 pazienti su 35 ) è stato estromesso dal trattamento dopo una risposta completa prolungata e a discrezione del medico curante.

Nessuna delle pazienti ha sospeso il trattamento a causa della tossicità.

L’istologia sierosa era il migliore predittore di mancata risposta.
Le pazienti con istologia endometrioide e mutazioni CTNNB1 hanno risposto bene a Everolimus e Letrozolo.

In conclusione, Everolimus più Letrozolo è associato ad elevati tassi di beneficio clinico e tassi di risposta obiettiva nelle pazienti con cancro dell'endometrio recidivante.
È in corso un ulteriore sviluppo di questa combinazione nel tumore dell'endometrio endometrioide recidivante. ( Xagena2015 )

Slomovitz BM et al, J Clin Oncol 2015;33:930-936

Gyne2015 Onco2015 Farma2015


Indietro