Bayer Banner
Gilead Banner
Natera Banner
Tumore prostata

Efficacia di regimi di dosi alternative di Exemestane nelle donne in postmenopausa con tumore mammario positivo al recettore degli estrogeni in stadio da 0 a II


Il successo della prevenzione terapeutica del tumore richiede la definizione della dose minima efficace.
Gli inibitori dell'aromatasi riducono l'incidenza del cancro al seno nelle donne ad alto rischio, ma l'uso nella prevenzione e la compliance in contesti adiuvanti sono ostacolati da eventi avversi.

È stata confrontata la variazione percentuale di non-inferiorità dell'Estradiolo nelle donne in postmenopausa con tumore mammario positivo per il recettore degli estrogeni trattate con Exemestane ( Aromasin ) 25 mg 3 volte alla settimana o 1 volta alla settimana rispetto a una dose giornaliera standard con un margine di non-inferiorità del -6%.

Questo studio clinico multicentrico, prechirurgico, in doppio cieco, randomizzato di fase 2b ha valutato 2 schemi di dosaggio alternativi di Exemestane.

Le donne in postmenopausa con tumore mammario positivo al recettore degli estrogeni che erano candidate alla chirurgia mammaria sono state sottoposte a screening dal 2017 al 2019.

I campioni di sangue sono stati raccolti al basale e alla visita finale; i cambiamenti dei biomarcatori tissutali sono stati valutati dalla biopsia diagnostica e dal campione chirurgico.
I biomarcatori sono stati misurati in diversi laboratori tra aprile 2020 e dicembre 2021.

Le pazienti sono state esposte a Exemestane 25 mg una volta al giorno, 3 volte alla settimana o 1 volta alla settimana per 4-6 settimane prima dell'intervento chirurgico.

Le concentrazioni sieriche di Estradiolo sono state misurate mediante estrazione in fase solida seguita da cromatografia liquida-spettrometria di massa tandem.
Gli effetti tossici sono stati valutati utilizzando i criteri terminologici del National Cancer Institute ( NCI ), e Ki-67 è stato valutato mediante immunoistochimica.

In totale 180 donne sono state randomizzate in 1 dei 3 bracci; l'età mediana era di 66 anni, 63 anni e 65 anni rispettivamente nei gruppi 1 volta al giorno 3 volte alla settimana e 1 volta alla settimana.

Nella popolazione intent-to-treat [ ITT ] ( n=171 ), la variazione percentuale media dei minimi quadrati dell'Estradiolo sierico è stata -89%, -85% e -60% per Exemestane una volta al giorno ( n=55 ), 3 volte a settimana ( n=56) e 1 volta alla settimana ( n=60 ), rispettivamente.

La differenza nella variazione percentuale di Estradiolo tra i bracci 1 volta al giorno e 3 volte a settimana è stata di -3.6% ( P per non-inferiorità=0.37 ), mentre nei partecipanti con compliance ( n=153 ) è stata del 2.0% ( P per non-inferiorità=0.02 ).

Tra gli endpoint secondari, il Ki-67 e il recettore del progesterone erano ridotti in tutti i bracci, con variazioni percentuali assolute mediane di -7.5%, -5.0% e -4.0% per Ki-67 nel gruppo 1 volta al giorno, 3 volte alla settimana e 1 volta alla settimana, rispettivamente ( 1 volta al giorno vs 3 volte alla settimana, P=0.31; 1 volta al giorno vs 1 volta alla settimana, P=0.06 ) e -17.0%, -9.0% e -7.0% per il recettore del progesterone, rispettivamente.

La globulina legante gli ormoni sessuali ( SHBG ) e il colesterolo HDL hanno mostrato un profilo migliore tra i partecipanti nel braccio 3 volte alla settimana rispetto al braccio 1 volta al giorno.

Gli eventi avversi sono stati simili in tutti i bracci.

In questo studio clinico randomizzato, Exemestane, 25 mg somministrato 3 volte alla settimana nei pazienti con compliance è risultato non-inferiore al dosaggio 1 volta al giorno nella riduzione dell'Estradiolo sierico.

Questo nuovo programma dovrebbe essere ulteriormente esaminato negli studi di prevenzione e nelle donne che non-tollerano la dose giornaliera nel contesto adiuvante. ( Xagena2023 )

Serrano D et al, JAMA Oncol 2023; 9: 664-672

Gyne2023 Onco2023 Farma2023



Indietro