Bayer Banner
Natera Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Efficacia della chemioradioterapia sequenziale rispetto alla chemioradioterapia concomitante o alla sola radioterapia nel trattamento adiuvante dopo isterectomia per tumore della cervice: studio STARS


Al momento non vi è consenso sul ruolo della chemioterapia in aggiunta alla radioterapia per il trattamento adiuvante postoperatorio di pazienti con tumore della cervice in stadio iniziale con fattori patologici avversi.

Sono stati valutati i benefici clinici della chemioradioterapia sequenziale ( SCRT ) e della chemioradioterapia concomitante ( CCRT ) rispetto alla sola radioterapia ( RT ) come trattamento adiuvante postoperatorio nel cancro della cervice in stadio iniziale.

Dopo l'isterectomia radicale in 1 degli 8 ospedali partecipanti in Cina, le pazienti con tumore della cervice uterina in stadio FIGO ( International Federation of Gynecology and Obstetrics ) IB-IIA con fattori patologici avversi sono state randomizzate per ricevere radioterapia adiuvante, chemioradioterapia concomitante o chemioradioterapia sequenziale.
I dati sono stati raccolti tra il 2008 e il 2018.

I pazienti hanno ricevuto radioterapia adiuvante ( dose totale, 45-50 Gy ), chemioradioterapia concomitante ( Cisplatino settimanale 30-40 mg/m2 ) o chemioradioterapia sequenziale ( Cisplatino 60-75 mg/m2 più Paclitaxel 135-175 mg/m2 ) in un ciclo di 21 giorni, somministrati rispettivamente 2 cicli prima e 2 cicli dopo la radioterapia.

L'endpoint primario era il tasso di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) a 3 anni.

Nell'analisi sono state incluse in totale 1.048 donne ( età media 48 anni ) ( 350 nel gruppo RT, 345 nel gruppo CCRT e 353 nel gruppo SCRT ).
Le caratteristiche demografiche e della malattia al basale erano bilanciate tra i gruppi di trattamento, tranne il tasso di coinvolgimento dei linfonodi che era più basso nel gruppo radioterapia ( 18.3% ).

Nella popolazione intent-to-treat [ ITT ], la chemioradioterapia sequenziale è risultata associata a un tasso più elevato di sopravvivenza libera da malattia rispetto alla radioterapia ( tasso a 3 anni, 90.0% vs 82.0%; hazard ratio, HR=0.52 ) e alla chemioradioterapia concomitante ( 90.0% vs 85.0%; HR=0.65 ).

Il trattamento con chemioradioterapia sequenziale ha anche ridotto il rischio di morte per tumore rispetto alla radioterapia ( tasso a 5 anni, 92.0% vs 88.0%; HR=0.58 ) dopo l'aggiustamento per il coinvolgimento dei linfonodi.
Tuttavia, né la sopravvivenza libera da malattia né il rischio di morte per cancro sono stati differenti tra le pazienti trattate con chemioradioterapia concomitante o radioterapia.

In questo studio clinico randomizzato, condotto in un contesto di trattamento adiuvante postoperatorio, la chemioradioterapia sequenziale, piuttosto che chemioradioterapia concomitante, ha determinato una più elevata sopravvivenza libera da malattia e un rischio di morte per cancro inferiore rispetto alla radioterapia tra le donne con tumore della cervice in stadio iniziale. ( Xagena2021 )

Huang H et al, JAMA Oncol 2021; 7: 361-369

Gyne2021 Onco2021 Med2021 Farma2021



Indietro