Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore Vescica

Chemioterapia standard con o senza Bevacizumab per le donne con tumore ovarico di nuova diagnosi


Lo studio ICON7 ha precedentemente segnalato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione nelle donne con tumore ovarico con l'aggiunta di Bevacizumab ( Avastin ) alla chemioterapia standard, con un più grande effetto nelle pazienti ad alto rischio di progressione della malattia.

Sono stati riportati gli ultimi risultati di sopravvivenza globale dello studio ICON7.

Lo studio ICON7 internazionale, di fase 3, in aperto, randomizzato, effettuato presso 263 Centri in 11 Paesi in Europa, Canada, Australia e Nuova Zelanda, ha coinvolto donne adulte con cancro ovarico di nuova diagnosi che era malattia in stadio precoce ad alto rischio ( FIGO stadio I-II , grado 3 o istologia a cellule chiare ) oppure malattia più avanzata ( stadio FIGO IIb-IV ), con un ECOG performance status di 0-2, arruolate in modo casuale e assegnate alla chemioterapia standard ( 6 cicli di 3 settimane di Carboplatino per via endovenosa, AUC 5 o 6, e Paclitaxel 175 mg/m2 di superficie corporea ) o allo stesso regime chemioterapico più Bevacizumab 7.5 mg per kg di peso corporeo per via endovenosa ogni 3 settimane, dato contemporaneamente e proseguito fino a 12 cicli ulteriori di 3 settimane di terapia di mantenimento.

La randomizzazione è stata stratificata per stadio FIGO, malattia residua, intervallo tra chirurgia e chemioterapia, e il gruppo GCIG.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione; lo studio è stato anche pesato per rilevare una differenza nella sopravvivenza globale.

Tra il 2006 e il 2009, 1.528 donne sono state arruolate e assegnate in modo casuale a ricevere chemioterapia ( n=764 ) oppure chemioterapia più Bevacizumab ( n=764 ).

Il follow-up alla fine dello studio è stato di 48.9 mesi; a quel punto erano morti 714 pazienti ( 352 nel gruppo chemioterapia e 362 nel gruppo Bevacizumab ).

I risultati hanno mostrato evidenza di rischi non-proporzionali, quindi è stata utilizzata la differenza nel tempo di sopravvivenza media come stima primaria dell'effetto.
Nessun beneficio di sopravvivenza complessiva di Bevacizumab è stato registrato ( tempo di sopravvivenza medio di 44.6 mesi nel gruppo chemioterapia standard vs 45.5 mesi nel gruppo Bevacizumab; log-rank P=0.85 ).

In un'analisi esplorativa di un sottogruppo predefinito di 502 pazienti con malattia con prognosi infausta, 332 ( 66% ) sono decedute ( 174 nel gruppo chemioterapia standard e 158 nel gruppo Bevacizumab ), e una differenza significativa nella sopravvivenza generale è stata osservata tra le donne che hanno ricevuto Bevacizumab più chemioterapia e quelle che hanno ricevuto la sola chemioterapia ( sopravvivenza media 34.5 mesi con la chemioterapia standard vs 39.3 mesi con Bevacizumab; log-rank P=0.03 ).

Tuttavia, nelle pazienti non-ad-alto rischio, il tempo di sopravvivenza medio non è cambiato significativamente tra i due gruppi di trattamento ( 49.7 mesi nel gruppo chemioterapia standard vs 48.4 mesi nel gruppo Bevacizumab; P=0.20 ).

Un'analisi aggiornata della sopravvivenza libera da progressione non ha mostrato alcuna differenza tra i gruppi di trattamento.

Durante il follow-up esteso, sono stati segnalati un ulteriore evento di grado 3 correlato al trattamento ( fistole gastrointestinali in una paziente trattata con Bevacizumab ), 3 eventi correlati al trattamento di grado 2 ( insufficienza cardiaca, sarcoidosi, e frattura del piede, tutti in pazienti trattate con Bevacizumab ), e un evento correlato al trattamento di grado 1 ( emorragia vaginale in una paziente trattata con chemioterapia standard ).

Bevacizumab, aggiunto alla chemioterapia a base di Platino, non ha aumentato la sopravvivenza globale nella popolazione in studio nel suo complesso.
Tuttavia, un beneficio di sopravvivenza globale è stato registrato nelle pazienti con prognosi infausta, in accordo con i risultati di sopravvivenza libera da progressione di ICON7 e GOG-218, fornendo ulteriori evidenza verso un uso ottimale di Bevacizumab nel trattamento del cancro ovarico. ( Xagena2015 )

Oza AM et al, Lancet 2015; 16: 928-936

Onco2015 Gyne2915 Farma2015


Indietro