Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub
Roche Oncologia

Bevacizumab e combinazioni a base di Platino per tumore ovarico ricorrente


La terapia attuale per il tumore ovarico ricorrente adatto a un ritrattamento a base di Platino comprende combinazioni contenenti Bevacizumab ( Avastin ) ( Bevacizumab combinato con Carboplatino - Paclitaxel o Carboplatino - Gemcitabina ) o il regime non-Bevacizumab più attivo: Doxorubicina liposomiale pegilata con Carboplatino.

Uno studio testa a testa ha confrontato un regime standard contenente Bevacizumab versus Doxorubicina liposomiale pegilata con Carboplatino combinata con Bevacizumab.

Lo studio multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 3, è stato condotto in 159 Centri accademici in Germania, Francia, Australia, Austria e Regno Unito.
Le pazienti eleggibili di età a partire da 18 anni avevano tumore epiteliale ovarico, peritoneale primario o delle tube di Falloppio confermato istologicamente con prima recidiva della malattia più di 6 mesi dopo la chemioterapia di prima linea a base di Platino e un ECOG performance status di 0–2.

Le pazienti sono state stratificate in base all'intervallo libero da Platino, al tumore residuo, alla precedente terapia antiangiogenica e al linguaggio del gruppo di studio e sono state assegnate in modo casuale a ricevere 6 cicli di Bevacizumab per via endovenosa ( 15 mg/kg, giorno 1) più Carboplatino ( area sotto la curva, AUC 4, giorno 1 ), più Gemcitabina, ( 1.000 mg/m2, giorni 1 e 8 ) ogni 3 settimane o 6 cicli di Bevacizumab ( 10 mg/kg, giorni 1 e 15 ) più Carboplatino ( AUC 5, giorno 1 ) più Doxorubicina liposomiale pegilata ( 30 mg/m2, giorno 1 ) ogni 4 settimane, entrambi seguiti da Bevacizumab di mantenimento ( 15 mg/kg ogni 3 settimane in entrambi i gruppi ) fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta dei tumori solidi versione 1.1.
I dati di efficacia sono stati analizzati nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2013 e il 2015, sono state arruolate 682 pazienti idonee, di cui 345 assegnate in modo casuale a ricevere Doxorubicina liposomiale pegilata - Carboplatino - Bevacizumab ( gruppo sperimentale ) e 337 randomizzate a ricevere Carboplatino - Gemcitabina - Bevacizumab ( gruppo standard ).

Il follow-up mediano per la sopravvivenza libera da progressione al cutoff dei dati nel luglio 2018 è stato di 12.4 mesi nel gruppo sperimentale e 11.3 mesi nel gruppo standard.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 13.3 mesi nel gruppo sperimentale rispetto a 11.6 mesi nel gruppo standard ( hazard ratio, HR=0.81, P=0.012 ).

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni sono stati ipertensione ( 88 su 332 pazienti, 27%, nel gruppo sperimentale vs 67 su 329 pazienti, 20%, nel gruppo standard ) e neutropenia ( 40, 12%, vs 73, 22% ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 33 su 332 pazienti ( 10% ) nel gruppo sperimentale e 28 su 329 ( 9% ) nel gruppo standard.

Decessi correlati al trattamento si sono verificati in una paziente nel gruppo sperimentale ( inferiore a 1%; perforazione dell'intestino crasso ) e 2 pazienti nel gruppo standard ( 1%; un caso ciascuno di sindrome da demielinizzazione osmotica ed emorragia intracranica ).

Doxorubicina liposomiale pegilata - Carboplatino - Bevacizumab è una nuova opzione di trattamento standard per tumore all'ovaio ricorrente idoneo al Platino. ( Xagena2020 )

Pfisterer J et al, Lancet Oncology 2020; 21: 699-709

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro