Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis
Janssen Oncology

Aumento dei tassi di mastectomia profilattica controlaterale tra pazienti con carcinoma duttale in situ


Alcune donne con carcinoma duttale unilaterale in situ ( DCIS ) si sottopongono a mastectomia controlaterale profilattica per prevenire l’insorgenza di tumore nell’altra mammella.
L’uso e la tendenza dell’impiego di mastectomia profilattica controlaterale nei casi di carcinoma duttale in situ negli Stati Uniti non è stata ancora riportata.

Un gruppo di Ricercatori dell’University of Minnesota School of Public Health, negli Stati Uniti, ha utilizzato il Surveillance, Epidemiology, and End Results database per analizzare il trattamento iniziale ( entro 6 mesi ) di pazienti con carcinoma duttale in situ, unilaterale, diagnosticato nel periodo 1998-2005.

Sono stati determinati i tassi di mastectomia preventiva controlaterale come proporzione di tutte le pazienti trattate chirurgicamente e come proporzione di tutte le pazienti sottoposte a mastectomia.
Sono state confrontate le variabili demografiche e del tumore nelle donne con DCIS unilaterale sottoposte a trattamento chirurgico.

Sono state identificate 51.030 pazienti con carcinoma duttale in situ; 2.072 hanno scelto la mastectomia profilattica controlaterale.

Il tasso di mastectomia profilattica è stato del 4,1% per tutte le pazienti trattate chirurgicamente e del 13,5% per le pazienti sottoposte a mastectomia.

Tra tutte le pazienti trattate chirurgicamente ( inclusa la chirurgia conservativa del seno ), il tasso di mastectomia profilattica controlaterale è aumentato del 148% dal 1998 ( 2,1% ) al 2005 ( 5,2% ).

Tra le pazienti sottoposte a mastectomia per il trattamento del carcinoma duttale in situ ( escluse quelle sottoposte a chirurgia conservativa del seno ), il tasso di mastectomia preventiva è aumentato del 188% dal 1998 ( 6,4% ) al 2005 ( 18,4% ).

La giovane età, la razza bianca, l’anno recente di diagnosi e la presenza di carcinoma lobulare in situ sono risultati significativamente associati a più alti tassi di mastectomia profilattica controlaterale tra tutte le pazienti trattate chirurgicamente e tutte quelle sottoposte a mastectomia.

L’ampia dimensione tumorale e un più alto grado sono risultati significativamente associati a più alti tassi di mastectomia preventiva tra tutte le pazienti sottoposte a intervento chirurgico, ma a tassi più bassi tra le donne sottoposte a mastectomia.

In conclusione, l’uso della mastectomia contro laterale profilattica nei casi di carcinoma duttale in situ è aumentato in maniera marcata negli Stati Uniti tra il 1998 e il 2005. ( Xagena2009 )

Tuttle TM et al, J Clin Oncol 2009; 27: 1362-1367


Onco2009 Gyne2009


Indietro