Bayer Banner
Natera Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Atezolizumab più nab-Paclitaxel come trattamento di prima linea per il tumore alla mammella triplo negativo non-resecabile, localmente avanzato o metastatico: studio IMpassion130, risultati di efficacia aggiornati


L'immunoterapia in combinazione con la chemioterapia ha mostrato una promettente efficacia in diversi tipi di tumore.
E' stata riportata la seconda analisi di sopravvivenza globale provvisoria prespecificata dello studio di fase 3 IMpassion130 che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Atezolizumab ( Tecentriq ) più nab-Paclitaxel ( Abraxane ) nelle pazienti con tumore al seno triplo negativo non-resecabile, localmente avanzato o metastatico.

In questo studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, di fase 3, condotto in 246 centri oncologici in 41 Paesi, erano ammissibili pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con tumore mammario triplo negativo precedentemente non-trattato, documentato istologicamente, localmente avanzato o metastatico e ECOG performance status pari a 0 o 1.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale e la randomizzazione è stata stratificata in base al precedente uso di taxano, metastasi epatiche ed espressione di PD-L1 su cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore.

I pazienti hanno ricevuto Atezolizumab 840 mg oppure placebo per via endovenosa il giorno 1 e il giorno 15 di ogni ciclo di 28 giorni e nab-Paclitaxel 100 mg/m2 di superficie corporea per via endovenosa nei giorni 1, 8 e 15 fino a progressione o tossicità inaccettabile.

Gli endpoint coprimari erano la sopravvivenza libera da progressione valutata secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1 e la sopravvivenza globale, valutata nella popolazione intention to treat ( ITT ) e nei pazienti con tumori positivi alle cellule immunitarie PD-L1 ( tumori con espressione PD-L1 dell’1% o superiore ).

I risultati finali di sopravvivenza libera da progressione erano stati precedentemente riportati alla prima analisi intermedia provvisoria di sopravvivenza.
La gerarchia dei test statistici prespecificati significava che la sopravvivenza globale nel sottogruppo di pazienti positivi alle cellule immunitarie PD-L1 poteva essere testata formalmente solo se la sopravvivenza globale era significativamente diversa tra i gruppi di trattamento nella popolazione ITT.

Tra il 2015 e il 2017 sono stati arruolati 902 pazienti, di cui 451 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atezolizumab più nab-Paclitaxel e 451 sono stati assegnati a ricevere placebo più nab-Paclitaxel ( popolazione ITT ).
Sei pazienti di ciascun gruppo non hanno ricevuto il trattamento.

Alla seconda analisi intermedia ( cutoff nel gennaio 2019 ), il follow-up mediano è stato di 18.5 mesi nel gruppo Atezolizumab e 17.5 mesi nel gruppo placebo.

La sopravvivenza globale mediana nei pazienti ITT è stata di 21.0 mesi con Atezolizumab e 18.7 mesi con placebo ( hazard ratio stratificato, HR 0.86, P=0.078 ).
Nell'analisi esplorativa globale della sopravvivenza nelle pazienti con tumori positivi alle cellule immunitarie PD-L1, la sopravvivenza globale mediana è stata di 25.0 mesi con Atezolizumab rispetto a 18.0 mesi con placebo ( HR stratificato 0.71 ).

Nel settembre 2018, data fino alla quale erano disponibili i dati aggiornati sulla sicurezza, gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati: neutropenia ( 38 su 453 pazienti, 8%, nel gruppo Atezolizumab vs 36 su 437 pazienti, 8%, nel gruppo placebo ), neuropatia periferica ( 25, 6%, vs 12, 3% ), riduzione della conta dei neutrofili ( 22, 5%, vs 16, 4% ) e affaticamento ( 17, 4%, vs 15, 3% ).

Decessi correlati al trattamento si sono verificati in 2 pazienti ( inferiore all'1% ) nel gruppo Atezolizumab ( epatite autoimmune correlata ad Atezolizumab, n=1, e shock settico correlato a nab-Paclitaxel, n=1 ) e 1 paziente ( inferiore all'1% ) nel gruppo placebo ( insufficienza epatica ).
Non sono stati segnalati nuovi decessi correlati al trattamento dalla data di cut-off dei dati clinici primari ( aprile 2018 ).

Coerentemente con la prima analisi intermedia, questa seconda analisi di sopravvivenza globale intermedia di IMpassion130 non ha indicato alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale tra i gruppi di trattamento nella popolazione ITT, ma ha suggerito un beneficio di sopravvivenza globale clinicamente significativo con Atezolizumab più nab-Paclitaxel nei pazienti con malattia positiva alle cellule immunitarie PD-L1.

Tuttavia, questo esito positivo non è stato testato formalmente a causa della gerarchia dei test statistici prespecificata.
Per i pazienti con tumore mammario triplo negativo metastatico positivo alle cellule immunitarie PD-L1, la combinazione Atezolizumab più nab-Paclitaxel rappresenta un'importante opzione terapeutica in una malattia con necessità insoddisfatte. ( Xagena2020 )

Schmid P et al, Lancet Oncology 2020; 21: 44-59

Gyne2020 Onco2020 Farma2020



Indietro