Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
OncoGinecologia

Associazione di cellule tumorali circolanti con recidiva tardiva di tumore al seno positivo al recettore degli estrogeni


La recidiva tardiva 5 o più anni dopo la diagnosi rappresenta almeno la metà di tutti i casi di carcinoma mammario positivo al recettore ormonale ( HR+ ) recidivante.
Si è determinato se la presenza di cellule tumorali circolanti ( cTC ) in un campione di sangue periferico ottenuto circa 5 anni dopo la diagnosi fosse associata a recidiva clinica tardiva di cancro mammario operabile negativo al recettore HER2 ( fattore di crescita epidermico umano ).

Una analisi secondaria per protocollo dello studio in doppio cieco di fase III Doxorubicin and Cyclophosphamide Followed by Paclitaxel With Bevacizumab or Placebo in Patients With Lymph Node Positive and High Risk Lymph Node Negative Breast Cancer ha arruolato pazienti dal 2007 al 2011 che non presentavano evidenza clinica di recidiva tra 4.5 e 7.5 anni dopo il trattamento chirurgico primario del tumore alla mammella in stadio II-III negativo al recettore HER2 seguito da terapia sistemica adiuvante.

I pazienti sono stati arruolati in un sotto-protocollo per l'analisi secondaria nel periodo 2013-2016.
L'analisi è stata effettuata nel 2018.
È stato ottenuto un campione di sangue per l'identificazione e il conteggio delle cellule tumorali circolanti.

L’esito principale era l'associazione tra un risultato positivo del test cTC ( almeno 1 cTC per 7.5 ml di sangue ) e la recidiva clinica.

Tra le 547 donne incluse in questa analisi, i risultati del test cTC erano positivi per 18 pazienti su 353 con malattia HR+ ( 5.1% ); 23 pazienti su 353 ( 6.5% ) hanno presentato una recidiva clinica.

I tassi di recidiva per anno-persona di follow-up nei gruppi cTC-positivi e cTC-negativi sono stati del 21.4% ( 7 recidive per 32.7 anni-persona ) e del 2.0% ( 16 recidive per 796.3 anni-persona ), rispettivamente.

Nei modelli multivariati che hanno incluso le covariate cliniche, un risultato positivo del test cTC è risultato associato a un rischio di recidiva di 13.1 volte maggiore ( stima del rapporto di rischio, 13.1 ). 7 su 23 pazienti ( 30.4% ) con recidiva hanno avuto un risultato positivo al test cTC a una mediana di 2.8 anni prima della recidiva clinica.

Un singolo risultato positivo del test cTC 5 anni dopo la diagnosi di tumore mammario positivo al recettore ormonale ha fornito informazioni prognostiche indipendenti per recidiva clinica tardiva, fornendo la prova che i biomarcatori a base liquida possono essere utilizzati per stratificare il rischio di recidiva tardiva e guidare la terapia. ( Xagena2018 )

Sparano J et al, JAMA Oncol 2018; 4: 1700-1706

Onco2018 Gyne2018



Indietro