Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
OncoDermatologia

Aggiunta di Bevacizumab alla terapia endocrina come trattamento di prima linea per cancro al seno avanzato HER2-negativo e HR-positivo


Si è verificato se la combinazione di Bevacizumab ( Avastin ), un trattamento anti-fattore di crescita endoteliale vascolare, con la terapia endocrina ( ET ) possa ritardare la comparsa di resistenza alla terapia endocrina.

In uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase III, LEA ( Letrozole / Fulvestrant and Avastin ), effettuato in Spagna e in Germania, Bevacizumab ( 15 mg/kg ogni 3 settimane ) è stato aggiunto alla terapia endocrina ( ET-B; Letrozolo [ Femara ] o Fulvestrant [ Faslodex ] ) come terapia di prima linea in pazienti in postmenopausa con cancro al seno negativo al recettore 2 del fattore di crescita dell’epidermide umana ( HER2- ) e positivo per il recettore dell’ormone ( HR+ ), in fase avanzata.

Sono state confrontate la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta globale ( ORR ), la durata della risposta ( RD ), il tempo al fallimento del trattamento ( TTF ), il tasso di beneficio clinico ( CBR ) e la sicurezza.

Da 380 pazienti reclutate ( 2007-2011 ), 374 sono state analizzate mediante intent-to-treat ( 184 pazienti con terapia endocrina e 190 pazienti con terapia endocrina più Bevacizumab ).

L'età media era di 65 anni; 270 pazienti ( 72% ) avevano performance status ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) pari a 0; 178 pazienti ( 48% ) presentavano metastasi viscerali e 171 pazienti ( 46% ) e 195 pazienti ( 52% ) avevano ricevuto, rispettivamente, una precedente chemioterapia o terapia endocrina.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 14.4 mesi nel braccio terapia endocrina e a 19.3 mesi nel braccio terapia endocrina più Bevacizumab ( hazard ratio, HR=0.83; P=0.126 ).

Il tasso di risposta globale, il tasso di beneficio clinico e la durata della risposta con terapia endocrina versus terapia endocrina più Bevacizumab sono stati, rispettivamente, 22% versus 41% ( P minore di 0.001 ), 67% versus 77% ( P=0.041 ) e 13.3 mesi versus 17.6 mesi ( P=0.434 ).

Il tempo al fallimento del trattamento e la sopravvivenza globale sono risultati comparabili in entrambi i bracci.

Ipertensione di grado 3-4, elevazione dell’aminotransferasi e proteinuria sono state significativamente più alte nel gruppo terapia endocrina più Bevacizumab.
8 pazienti ( 4.2% ) trattate con terapia endocrina più Bevacizumab sono decedute durante lo studio o entro 30 giorni dalla fine del trattamento.

In conclusione, l'aggiunta di Bevacizumab alla terapia endocrina nel trattamento di prima linea non ha prodotto un aumento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione o sopravvivenza globale nelle donne con carcinoma alla mammella avanzato HER2-negativo e HR-positivo. ( Xagena2015 )

Martin M et al, J Clin Oncol 2015;33:1045-1052

Onco2015 Gyne2015 Farma2015


Indietro