Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub
Roche Oncologia

Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di sopravvivenza nelle pazienti non-selezionate con cancro al seno, ma manca un follow-up a ...


Le tecniche mininvasive sono sempre più comuni nella chirurgia del tumore. Un recente studio clinico randomizzato ha messo in dubbio la sicurezza dell'isterectomia radicale minimamente invasiva per il ...


Nessuno studio randomizzato aveva ancora confrontato la radioterapia ipofrazionata ( HFRT ) con la radioterapia frazionata convenzionale ( CFRT ) dopo la chirurgia conservativa delal mammella nella po ...


Dati gli scarsi risultati con la radioterapia ipofrazionata per il tumore al seno in fase iniziale, una dose di 50 Gy in 25 frazioni è stato il regime standard utilizzato dal Danish Breast Cancer Grou ...


L'irradiazione dell'intero seno erogata una volta al giorno per 3-5 settimane dopo l'intervento chirurgico di conservazione della mammella riduce la recidiva locale con buoni risultati estetici. L'ir ...


Nonostante le preoccupazioni sul fatto che la morcellazione elettrica possa influire negativamente sulla prognosi delle pazienti con tumore uterino occulto, le evidenze empiriche sono state limitate e ...


Lo studio PORTEC-3 ha studiato il beneficio della chemioterapia adiuvante combinata e della radioterapia rispetto alla sola radioterapia pelvica per le donne con tumore endometriale ad alto rischio. ...


Le donne sopravvissute a tumore infantile presentano un alto rischio di successivo tumore mammario. È stato descritto il conseguente rischio di mortalità e tumori alla mammella aggiuntivi. Le donne ...


L'irradiazione dell'intero seno dopo un intervento chirurgico di conservazione mammaria nelle pazienti con tumore alla mammella in fase iniziale riduce la recidiva ipsilaterale del tumore al seno ( IB ...


Circa il 15% di tutti i tumori al seno si verifica in donne con anamnesi familiare di tumore mammario, ma per le quali non è stata trovata alcuna mutazione genetica ereditaria causale. Le lineeguida ...


Vari fattori, tra cui età, storia familiare, infiammazione, fattori riproduttivi e legatura delle tube, modulano il rischio di tumore ovarico. Si è determinato se le donne con o a rischio di svilupp ...


L'obiettivo primario era determinare se la brachiterapia della cuffia vaginale e la chemioterapia ( VCB/C ) aumentino la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ) rispetto alla radioterapia pelvica ( R ...


L'uso di mash biologiche o sintetiche potrebbe migliorare gli esiti della ricostruzione immediata del seno con protesi, la ricostruzione del seno con impianti o espansori al momento della mastectomia, ...


Si è determinato se un programma di 3 settimane di radioterapia ipofrazionata post-mastectomia sia efficace e sicuro quanto un programma di 5 settimane di radioterapia frazionata in modo convenzionale ...


La recidiva tardiva 5 o più anni dopo la diagnosi rappresenta almeno la metà di tutti i casi di carcinoma mammario positivo al recettore ormonale ( HR+ ) recidivante. Si è determinato se la presenza ...