Novartis
Lung Unit
BMS
Tumore prostata

Chemioterapia dose-dense settimanale nel trattamento di prima linea per il carcinoma epiteliale ovarico, delle tube di Falloppio o peritoneale primario: studio ICON8


Carboplatino e Paclitaxel somministrati ogni 3 settimane sono la chemioterapia di prima linea standard di cura per il tumore ovarico epiteliale.
Lo studio giapponese JGOG3016 ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione e complessiva con Paclitaxel settimanale dose-dense e Carboplatino ogni 3 settimane.

Uno studio ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di due regimi settimanali dose-dense con la chemioterapia standard ogni 3 settimane in una popolazione prevalentemente europea con tumore epiteliale dell'ovaio.

In questo studio di fase 3, le donne con tumore epiteliale dell'ovaio di stadio IC-IV secondo FIGO ( International Federation of Gynecology and Obstetrics ) di nuova diagnosi sono state assegnate in modo casuale al gruppo 1 ( Carboplatino area sotto la curva AUC 5 o AUC 6 e 175 mg/m2 Paclitaxel ogni 3 settimane ), gruppo 2 ( Carboplatino AUC5 o AUC6 ogni 3 settimane e 80 mg/m2 Paclitaxel alla settimana ) o gruppo 3 ( Carboplatino AUC2 e 80 mg/m2 Paclitaxel alla settimana ).

Le pazienti sono entrate nello studio dopo un intervento chirurgico primario immediato o prima della chemioterapia neoadiuvante con successivo intervento chirurgico primario ritardato pianificato.

Gli esiti co-primari dello studio sono stati la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Le analisi dei dati sono state potenziate per rilevare un hazard ratio ( HR ) di 0.75 nella sopravvivenza libera da progressione.
I principali confronti sono stati tra il gruppo di controllo ( gruppo 1 ) e ciascuno dei gruppi di ricerca settimanali ( gruppi 2 e 3 ).

Tra il 2011 e il 2014, 1.566 donne sono state assegnate in modo casuale al trattamento. Il 72% ( 365 ) ha completato 6 cicli di trattamento definiti dal protocollo nel gruppo 1, il 60% ( 305 ) nel gruppo 2 e il 63% ( 322 ) nel gruppo 3, sebbene il 90% ( 454 ), l’89% ( 454 ) e l’85% ( 437 ) abbiano completato 6 cicli di chemioterapia a base di Platino, rispettivamente.

L'intensificazione della dose di Paclitaxel è stata raggiunta con il trattamento settimanale ( dose mediana totale di Paclitaxel 1.010 mg/m2 nel gruppo 1; 1.233 mg/m2 nel gruppo 2; 1.274 mg/m2 nel gruppo 3 ).

A febbraio 2017, 1.018 pazienti ( 65% ) avevano avuto una progressione della malattia.

Non è stato osservato alcun aumento significativo della sopravvivenza libera da progressione con entrambi i regimi settimanali ( tempo di sopravvivenza medio ristretto 24.4 mesi nel gruppo 1, 24.9 mesi nel gruppo 2, 25.3 mesi nel gruppo 3; sopravvivenza libera da progressione mediana 17.7 mesi nel gruppo 1, 20.8 mesi nel gruppo 2, 21.0 mesi nel gruppo 3; log-rank P=0.35 per il gruppo 2 vs gruppo 1; gruppo 3 vs 1, P=0.51 ).

Sebbene gli effetti tossici di grado 3 o 4 siano aumentati con il trattamento settimanale, questi effetti sono risultati prevalentemente non-complicati.
L'incidenza di neutropenia febbrile e neuropatia sensoriale era simile tra i gruppi.

La chemioterapia dose-dense settimanale può essere somministrata con successo come trattamento di prima linea per il carcinoma epiteliale all'ovaio, ma non migliora significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia standard di 3 settimane nelle popolazioni prevalentemente europee. ( Xagena2019 )

Clamp AR et al, Lancet 2019; 394: 2084-2095

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro