Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoGinecologia

Valore predittivo prognostico dei linfociti che infiltrano il tumore nel carcinoma alla mammella linfonodo-positivo con confronto tra l’aggiunta di Docetaxel a Doxorubicina e la chemioterapia basata su Doxorubicina


Precedenti dati pre-clinici e clinici hanno indicato che il sistema immunitario influenza prognosi e risposta alla chemioterapia; tuttavia, la rilevanza clinica deve ancora essere stabilita nel carcinoma alla mammella.

È stato ipotizzato che un aumento dell’infiltrazione linfocitaria possa essere associato a una buona prognosi e possa beneficiare della chemioterapia immunogenica ( in questo caso chemioterapia con solo antraciclina ) in sottotipi selezionati di cancro mammario.

Uno studio ha valutato la relazione tra quantità e collocazione dell’infiltrato linfocitario alla diagnosi con l’esito clinico in 2009 campioni di cancro alla mammella linfonodo-positivi dallo studio di fase III BIG 02-98 che ha confrontato la chemioterapia con solo antraciclina ( Doxorubicina seguita da Ciclofosfamide, Metotrexato e Fluorouracile [ CMF ] o Doxorubicina più Ciclofosfamide seguita da CMF ) versus chemioterapia di combinazione con Doxorubicina e Docetaxel ( Doxorubicina più Docetaxel seguiti da CMF o Doxorubicina seguita da Docetaxel seguito da CMF ).

Due patologi hanno effettuato le letture in modo indipendente.

E’ stata studiata la sopravvivenza libera da malattia, la sopravvivenza generale e la interazione con il tipo di associazione chemioterapiche.

Il periodo di follow-up mediano è stato 8 anni.

Non è emersa alcuna associazione prognostica significativa nella popolazione generale né in quella positiva per il recettore dell’estrogeno ( ER ) / negativa per il recettore 2 del fattore di crescita dell’epidermide ( HER2 ).

Tuttavia, ciascun aumento del 10% nelle infiltrazioni linfocitarie intratumorali e stromali è risultato associato a una riduzione del 17% e del 15% nel rischio di recidiva ( P aggiustato=0.1 e P=0.025 ), rispettivamente, e una riduzione del 27% e 17% nel rischio di decesso nei carcinomi mammari ER-negativi / HER2-negativi, indipendentemente dal tipo di chemioterapia ( P aggiustato=0.035 e P=0.023 ), rispettivamente.

Nel tumore alla mammella HER2+, è stata osservata una interazione significativa tra l’aumento dell’infiltrazione linfocitaria stromale ( incrementi del 10% ) e i benefici con la chemioterapia a base di sola antraciclina ( sopravvivenza libera da malattia, P per interazione=0.042; sopravvivenza generale, P=0.018 ).

In conclusione, nel cancro al seno linfonodo-positivo, ER- / HER2-, l’aumento dell’infiltrazione linfocitaria è risultato associato a una prognosi eccellente.
Sono necessarie ulteriori valutazioni della utilità clinica dei linfociti che infiltrano il tumore in questo contesto.
Questi dati supportano anche la valutazione di approcci immunoterapici in sottotipi selezionati di carcinoma mammario. ( Xagena2013 )

Loi S et al, J Clin Oncol 2013; 31: 860-867

Onco2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro