Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
ForumOncologico

Uguale efficacia tra Raloxifene e Tamoxifene nella riduzione del rischio di carcinoma mammario invasivo


Il Raloxifene ( Evista ) ha mostrato di ridurre il rischio di carcinoma mammario nelle donne in postmenopausa ad aumentato rischio di questa neoplasia.

Lo studio STAR ( Study of Tamoxifen and Raloxifene ) ha valutato 19.747 donne.
Tuttavia, l’analisi dei dati è stata effettuata su 19.471 donne.

Tra le 9.745 donne del gruppo Raloxifene, 167 hanno sviluppato tumore mammario invasivo rispetto alle 163 donne su 9.726 nel gruppo Tamoxifene.

Più della metà delle donne che sono state arruolate nello studio STAR erano state sottoposte ad isterectomia e, pertanto, non erano a rischio di tumore uterino.
Tra le donne alle quali non era stato asportato l’utero, 36 su 4732 nel gruppo Tamoxifene hanno sviluppato tumore uterino, principalmente carcinoma endometriale, rispetto a 23 donne su 4.712 assegnate al Raloxifene.

Le donne del gruppo Raloxifene hanno presentato un’incidenza inferiore del 29% di trombosi venosa profonda e di embolia polmonare rispetto alle donne del gruppo Tamoxifene.
Specificatamente, lo 0.89% ( 87/9.726 ) delle donne del gruppo Tamoxifene è andata incontro a trombosi venosa profonda, rispetto allo 0.67% ( 65/9.745 ) delle donne nel gruppo Raloxifene.
Inoltre, lo 0.55% ( 54/9.726 ) delle donne che hanno assunto Tamoxifene hanno sviluppato embolia polmonare, contro lo 0.36% delle donne che hanno assunto Raloxifene.

Il numero di ictus è risultato statisticamente equivalente: 0.54% nel gruppo Tamoxifene e 0.52% nel gruppo Raloxifene.
Non sono state osservate differenze di mortalità da ictus nei due gruppi.
Le donne ad aumentato rischio di ictus, perché affette da ipertensione o diabete non controllato fibrillazione striale,, o con storia di ictus, attacco ischemico transitorio [ TIA ], non sono state arruolate nello studio.

Mentre il Tamoxifene aveva dimostrato di ridurre della metà l’incidenza di carcinoma lobulare in situ ( LCIS ) e del carcinoma duttale in situ ( DCIS ), il Raloxifene non ha presentato alcun effetto su queste diagnosi.
Delle 9.726 donne che hanno assunto il Tamoxifene, 57 hanno sviluppato LCIS o DCIS contro 81 delle 9.745 donne trattate con Raloxifene .
Questo risultato ha confermato i dati riportati nel 2004 nello studio CORE ( Continued Outcomes Relevant to Evista ). ( Xagena2006 )

Fonte: National Institutes of Health, 2006


Onco2006 Gyne2006 Farma2006


Indietro