Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Ovaie
OncoDermatologia

Tucidinostat più Exemestane per pazienti in postmenopausa con tumore mammario avanzato, positivo al recettore ormonale


Tucidinostat ( precedentemente noto come Chidamide ) è un inibitore orale dell'istone deacetilasi selettivo per sottotipo.
In uno studio esplorativo, la combinazione di Tucidinostat con Exemestane ( Aromasin ) ha mostrato segni preliminari incoraggianti sull'attività antitumorale nei pazienti con tumore mammario avanzato positivo per il recettore ormonale.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di questa combinazione in uno studio randomizzato su una popolazione più ampia di pazienti in postmenopausa con carcinoma alla mammella avanzato, positivo al recettore dell’ormone.

È stato effettuato lo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3 ACE presso 22 Centri oncologici in Cina.
I pazienti eleggibili erano donne in postmenopausa ( età a partire da 60 anni o età inferiore a 60 anni se le concentrazioni sieriche di ormone follicolo-stimolante ed estradiolo erano entro i limiti postmenopausali ) con tumore al seno HER2-negativo, positivo ai recettori ormonali, la cui malattia era recidivata o progredita dopo almeno una terapia endocrina ( in ambito avanzato o metastatico o adiuvante ) e con almeno una lesione misurabile, una adeguata funzione d'organo, un ECOG performance status di 0-1 e parametri ematologici e biochimici adeguati.

La terapia endocrina non doveva essere la terapia più recente prima della randomizzazione, ma la recidiva o la progressione dopo l'ultima terapia era un prerequisito.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere 30 mg di Tucidinostat orale o placebo due volte alla settimana.
Tutti i pazienti di entrambi i gruppi hanno ricevuto anche 25 mg di Exemestane orale al giorno.
La randomizzazione è stata stratificata in base alla presenza di metastasi viscerali ( sì versus no ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.
> Le analisi di efficacia sono state condotte nella popolazione dell'insieme completo di analisi, comprendente tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di qualsiasi trattamento in studio; sono state condotte analisi di sicurezza in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di qualsiasi trattamento in studio e per i quali era disponibile almeno un case report di sicurezza.

Tra il 2015 e il 2017, 365 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale: 244 al gruppo Tucidinostat e 121 al gruppo placebo.

La durata mediana del follow-up è stata di 13.9 mesi.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 7.4 mesi nel gruppo Tucidinostat e 3.8 mesi nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR 0.75; P=0.033 ).

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni in entrambi i gruppi sono stati neutropenia ( 124 su 244 pazienti, 51%, nel gruppo Tucidinostat vs 3 su 121 pazienti, 2%, nel gruppo placebo ), trombocitopenia ( 67, 27%, vs 3, 2% ) e leucopenia ( 46, 19%, vs 3, 2% ).
Eventi avversi gravi di qualsiasi causa si sono verificati in 51 pazienti su 244 ( 21% ) nel gruppo Tucidinostat e in 7 su 121 pazienti ( 6% ) nel gruppo placebo.

Non sono stati riportati decessi correlati al trattamento.

Tucidinostat più Exemestane ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo più Exemestane nei pazienti con tumore mammario avanzato, positivo per il recettore ormonale ( HR+ ), negativo per HER2 ( HER2- ), progrediti dopo una precedente terapia endocrina.
Gli eventi avversi ematologici di grado 3-4 sono risultati più comuni nel gruppo Tucidinostat più Exemestane rispetto al gruppo placebo più Exemestane.
Tucidinostat più Exemestane potrebbe rappresentare una nuova opzione di trattamento per questi pazienti. ( Xagena2019 )

Jiang Z et al, Lancet Oncology 2019; 20: 806-815

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro