Novartis
Janssen Oncology
Oncologia Morabito
OncoHub

Trilaciclib più chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con tumore al seno triplo negativo metastatico


Trilaciclib è un inibitore endovenoso del ciclo cellulare che mantiene transitoriamente le cellule immunitarie e le cellule staminali e progenitrici emopoietiche in arresto in G1.
Proteggendo le cellule immunitarie e il midollo osseo dai danni indotti dalla chemioterapia, Trilaciclib ha il potenziale per ottimizzare l'attività antitumorale minimizzando la mielotossicità.

Sono stati riportati i dati sulla sicurezza e sull'attività della chemioterapia con Trilaciclib più Gemcitabina e Carboplatino nei pazienti con tumore mammario metastatico triplo negativo.

In questo studio randomizzato, in aperto, multicentrico, di fase 2, sono stati reclutati pazienti adulti di età a partire da 18 anni con tumore mammario triplo negativo, confermato da biopsia, localmente ricorrente o metastatico che non avevano più di due precedenti linee di chemioterapia da 26 siti negli Stati Uniti, 3 in Serbia, 2 nella Macedonia settentrionale, uno in Croazia e uno in Bulgaria; i siti erano ospedali accademici e comunitari.

La disponibilità di campioni diagnostici di tessuto tumorale a conferma del carcinoma mammario triplo negativo era un prerequisito per l'arruolamento.
I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per numero di precedenti linee di terapia sistemica e presenza di metastasi epatiche, a ricevere Gemcitabina endovenosa 1.000 mg/m2 e Carboplatino per via endovenosa ( area sotto la curva tempo-concentrazione 2 microg x h/ml ) nei giorni 1 e 8 ( gruppo 1 ), Gemcitabina e Carboplatino più Trilaciclib per via endovenosa 240 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ( gruppo 2 ) o Gemcitabina e Carboplatino nei giorni 2 e 9 più Trilaciclib nei giorni 1, 2, 8 e 9 ( gruppo 3 ) con cicli di 21 giorni.

I pazienti hanno continuato il trattamento fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, revoca del consenso o interruzione da parte dello sperimentatore.

L'obiettivo primario era valutare la sicurezza e la tollerabilità della combinazione di Trilaciclib con la chemioterapia con Gemcitabina e Carboplatino.
Gli endpoint primari erano la durata della grave neutropenia durante il ciclo 1 e l'insorgenza della neutropenia grave durante il periodo di trattamento.
La sopravvivenza globale è stata inclusa come endpoint secondario chiave.
Le analisi riguardavano la popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2017 e il 2018, 142 pazienti sono stati valutati per l'idoneità e 102 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo 1 ( n=34 ), al gruppo 2 ( n=33 ) o al gruppo 3 ( n=35 ).
Di tutti i pazienti, 38 ( 37% ) avevano ricevuto una o due linee di chemioterapia precedente in ambito metastatico.
Il follow-up mediano è stato di 8.4 mesi per il gruppo 1, 12.7 mesi per il gruppo 2 e 12.9 mesi per il gruppo 3.

Durante il ciclo 1, la durata media della neutropenia grave è stata di 0.8 giorni nel gruppo 1, 1.5 giorni nel gruppo 2 e 1.0 giorni nel gruppo 3 ( gruppo 3 vs gruppo 1 P aggiustato=0.70 ).
La neutropenia grave si è verificata in 9 pazienti su 34 ( 26% ) nel gruppo 1, 12 su 33 pazienti ( 36% ) nel gruppo 2 e 8 pazienti su 35 ( 23% ) nel gruppo 3 ( P=0.70 ).

La sopravvivenza globale è stata di 12.6 mesi ( nel gruppo 1, 20.1 mesi nel gruppo 2 e 17.8 mesi nel gruppo 3 [ gruppo 3 vs gruppo 1 P=0.0023 ] ).

Gli eventi avversi più comuni emergenti dal trattamento sono stati anemia ( 22 su 34, 73% ), neutropenia ( 21, 70% ) e trombocitopenia ( 18, 60% ) nel gruppo 1; neutropenia ( 27 su 33, 82% ), trombocitopenia ( 18, 55% ) e anemia ( 17, 52% ) nel gruppo 2; e neutropenia ( 23 su 35, 66% ), trombocitopenia ( 22, 63% ) e nausea ( 17, 49% ) nel gruppo 3.

Non vi sono stati decessi correlati al trattamento.

Non sono state osservate differenze significative negli endpoint di mielosoppressione con Trilaciclib più Gemcitabina e Carboplatino nei pazienti con tumore al seno metastatico triplo negativo; tuttavia, il regime era generalmente ben tollerato e i risultati generali di sopravvivenza sono stati incoraggianti.
Sono necessari ulteriori studi su Trilaciclib in questo contesto. ( Xagena2019 )

Tan AR et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1587-1601

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro