Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis
BMS

Trebananib oppure placebo più Carboplatino e Paclitaxel come trattamento di prima linea per il tumore ovarico avanzato: studio TRINOVA-3 / ENGOT-ov2 / GOG-3001


L'angiopoietina 1 e 2 regolano l'angiogenesi e il rimodellamento vascolare interagendo con il recettore tirosin chinasico Tie2, e l'inibizione dell'angiogenesi ha mostrato risultati promettenti nel trattamento del tumore dell'ovaio.
Si è valutato se Trebananib, una proteina di fusione peptide-anticorpo che inibisce il legame dell'angiopoietina 1 e 2 al Tie2, migliori la sopravvivenza libera da progressione quando è aggiunto a Carboplatino e Paclitaxel come terapia di prima linea nel tumore epiteliale ovarico avanzato, primario delle tube di Falloppio o peritoneale in un studio clinico di fase 3.

Lo studio TRINOVA-3, uno studio multicentrico, multinazionale, di fase 3, in doppio cieco, è stato condotto in 206 siti tra ospedali e centri oncologici in 14 Paesi.
Le pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con tumori epiteliali ovarici, peritoneali primari o delle tube di Falloppio confermati dalla biopsia in stadio III-IV International Federation of Gynecology and Obstetrics ( FIGO ) e ECOG performance status di 0 o 1.

I pazienti idonei sono stati casualmente assegnati a ricevere sei cicli di Paclitaxel ( 175 mg/m2 ) e Carboplatino ( area sotto la curva concentrazione-tempo nel siero 5 o 6 ) ogni 3 settimane, più Trebananib per via endovenosa settimanale 15 mg/kg o placebo.

La terapia di mantenimento con Trebananib o placebo è proseguita per altri 18 mesi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat.
Le analisi di sicurezza hanno incluso pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2012 e il 2014, 1.015 pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale al trattamento ( 678 a Trebananib e 337 al placebo ).

Dopo un follow-up mediano di 27.4 mesi, 626 pazienti hanno presentato eventi di sopravvivenza senza progressione ( 405 su 678, 60%, nel gruppo Trebananib e 221 su 337, 66%, nel gruppo placebo ).

La sopravvivenza libera da progressione mediana non differiva tra il gruppo Trebananib ( 15.9 mesi ) e il gruppo placebo ( 15.0 mesi ) ( hazard ratio, HR 0.93; P=0.36 ).

512 su 675 pazienti ( 76% ) nel gruppo Trebananib e 237 su 336 ( 71% ) nel gruppo placebo presentavano eventi avversi di grado 3 o superiore dovuti al trattamento; tra questi i più comuni sono stati neutropenia ( Trebananib 238, 35%, versus placebo 126, 38% ) anemia ( 76, 11%, vs 40, 12% ) e leucopenia ( 81, 12%, vs 35, 10% ).
269 pazienti ​​( 40% ) nel gruppo Trebananib e 104 ( 31% ) nel gruppo placebo hanno manifestato eventi avversi gravi.

Due eventi avversi fatali nel gruppo Trebananib sono stati considerati correlati a Trebananib, Paclitaxel e Carboplatino ( infezione polmonare e colite neutropenica ); due sono stati considerati correlati a Paclitaxel e Carboplatino ( deterioramento generale della salute fisica e riduzione della conta piastrinica ).
Nessun evento avverso fatale correlato al trattamento si è verificato nel gruppo placebo.

Trebananib più Carboplatino e Paclitaxel non hanno migliorato la sopravvivenza libera da progressione come trattamento di prima linea per il carcinoma ovarico avanzato.
La combinazione di Trebananib più Carboplatino e Paclitaxel non ha prodotto nuovi segnali di sicurezza.
Questi risultati hanno mostrato che Trebananib in combinazione con Carboplatino e Paclitaxel è minimamente efficace in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2019 )

Vergote I et al, Lancet Oncology 2019; 20: 862-876

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro