OncoHub
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Novartis

Taxani versus S-1 come chemioterapia di prima linea per il carcinoma mammario metastatico


Le fluoropirimidine orali sono utilizzate per il trattamento di prima linea del carcinoma mammario metastatico al fine di evitare gravi effetti avversi, anche se mancano evidenze a supporto.

Si è voluto stabilire se S-1 sia non-inferiore ai taxani in questa condizione.

È stato effettuato uno studio, in aperto, di non-inferiorità, di fase 3, SELECT BC, in 154 ospedali in Giappone. Sono stati arruolati soggetti con cancro al seno metastatico HER2-negativo che non avevano ricevuto alcuna chemioterapia per la malattia avanzata, e che erano resistenti al trattamento endocrino.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a taxani ( Docetaxel 60-75 mg/m2 a intervalli di 3-4 settimane; Paclitaxel 80-100 mg/m2 alla settimana per 3 su 4 settimane, oppure Paclitaxel 175 mg/m2 a intervalli di 3-4 settimane ) oppure a S-1 ( 40-60 mg due volte al giorno per 28 giorni consecutivi, seguiti da una pausa di 14 giorni ).
La randomizzazione è stata effettuata stratificando per Centro, metastasi epatiche, estrogeni e stato del recettore del progesterone, precedente trattamento con taxani o Fluorouracile per via orale, e tempo dall’intervento chirurgico alla recidiva.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale, con un margine di non-inferiorità pre-specificato di 1.333 per l'hazard ratio ( HR ).

L'analisi di efficacia primaria è stata fatta nel set di analisi completo, che consisteva di tutte le pazienti che hanno assunto almeno un farmaco in studio e che hanno fornito tutti i dati dopo la randomizzazione.

Tra il 2006 e il 2010, sono state arruolate 618 pazienti ( 309 assegnate a taxano; 309 assegnate a S-1 ). Il set di analisi completo è stato composto da 286 pazienti nel gruppo taxano e 306 nel gruppo S-1.

Il follow-up è stato di 34.6 mesi.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 35.0 mesi nel gruppo S-1 e 37.2 mesi nel gruppo taxano ( HR=1.05; P di non-inferiorità=0.015 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o maggiore sono stati neutropenia ( 20, 7%, su 307 pazienti nel gruppo S-1 vs 9, 3%, su 290 pazienti nel gruppo taxano ), affaticamento ( 10, 3% vs 12, 4% ), ed edema ( 1, 1%, vs 12, 4% ).

Decessi correlati al trattamento sono stati riportati in 2 pazienti nel gruppo taxano.

S-1 è non-inferiore al taxano rispetto alla sopravvivenza globale come trattamento di prima linea per il carcinoma mammario metastatico.
S-1 deve essere considerato una nuova opzione per la chemioterapia di prima linea per le pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-negativo. ( Xagena2016 )

Takashima T et al, Lancet 2016; 17: 90-98

Gyne2016 Onco2016 Farma2016


Indietro