Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Mammella
Tumori testa-collo

Sorveglianza dopo iniziale chirurgia per bambine e adolescenti con tumori ovarici delle cellule germinali in stadio I


È stato condotto uno studio per determinare se la sopravvivenza generale possa essere mantenuta in pazienti pediatrici con tumori ovarici maligni della linea germinale di stadio I con una strategia iniziale di sorveglianza dopo resezione chirurgica.

Nel periodo 2003-2011, bambine e ragazze di età compresa tra 0 e 16 anni con tumori ovarici maligni della linea germinale di stadio I sono state arruolate nello studio Children's Oncology Group AGCT0132.

Era richiesta un’istologia che includesse sacco vitellino, carcinoma embrionale o coriocarcinoma.

La sorveglianza includeva misurazioni di marcatori tumorali sierici e immagini radiologiche a intervalli definiti.

Nelle pazienti con malattia residua o ricorrente, la terapia con PEB ( Cisplatino, Etoposide e Bleomicina ) è stata iniziata ogni 3 settimane per 3 cicli ( Cisplatino 33 mg/m2 nei giorni da 1 a 3, Etoposide 167 mg/m2 nei giorni da 1 a 3, Bleomicina 15 U/m2 al giorno 1 ).

La sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza generale sono state stimate con il metodo di Kaplan-Meier.

Nello studio sono state arruolate 25 ragazze ( età mediana, 12 anni ) con tumori ovarici maligni della linea germinale di stadio I.

Ventitrè pazienti avevano livelli elevati di alfa-fetoproteina alla diagnosi.

L’istologia predominante era quella di sacco vitellino.

Dopo un follow-up mediano di 42 mesi, 12 pazienti hanno mostrato evidenza di malattia persistente o ricorrente ( sopravvivenza libera da eventi a 4 anni, 52% ).

Il tempo mediano alla ricorrenza è stato di 2 mesi.

Tutte le pazienti avevano elevati livelli di alfa-fetoproteina alla ricorrenza; 6 avevano malattia localizzata, 2 malattia metastatica e 4 avevano solo aumento dei marcatori tumorali.

Undici delle 12 pazienti in recidiva sono state in seguito sottoposte con successo a chemioterapia di salvataggio ( sopravvivenza generale a 4 anni, 96% ).

In conclusione, il 50% delle pazienti con tumori ovarici pediatrici maligni della linea germinale di stadio I può evitare la chemioterapia; il trattamento per quelle che vanno incontro a ricorrenza è in grado di mantenere la sopravvivenza generale.
Sono necessari ulteriori studi per identificare i fattori che predicono la ricorrenza e se questa strategia possa essere estesa anche alle adolescenti di età superiore o alle giovani adulte. ( Xagena2014 )

Billmire DF et al, J Clin Oncol 2014; 32: 465-470

Pedia2014 Gyne2014 Onco2014 Chiru2014 Farma2014


Indietro