Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
ForumOncologico

Risonanza magnetica versus mammografia per lo screening del tumore mammario in donne a rischio familiare: studio FaMRIsc


Circa il 15% di tutti i tumori al seno si verifica in donne con anamnesi familiare di tumore mammario, ma per le quali non è stata trovata alcuna mutazione genetica ereditaria causale.
Le lineeguida per lo screening per le donne a rischio familiare di tumore mammario differiscono da paese a paese.

È stato condotto uno studio randomizzato controllato ( FaMRIsc ) per confrontare lo screening con risonanza magnetica per immagini ( MRI ) con la mammografia nelle donne a rischio familiare.

Nello studio multicentrico, randomizzato e controllato condotto in 12 ospedali nei Paesi Bassi, le donne avevano diritto a partecipare se avevano un'età compresa tra 30 e 55 anni e avevano un rischio cumulativo di carcinoma mammario nella vita almeno del 20% a causa di una predisposizione familiare, ma erano BRCA1, BRCA2 e TP53 wild-type.

Le partecipanti che stavano allattando al seno, erano in gravidanza, avevano un precedente screening per il tumore mammario o avevano una precedente diagnosi di carcinoma duttale in situ erano eleggibili, ma quelle con un carcinoma invasivo precedentemente diagnosticato erano escluse.
Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a ricevere la risonanza magnetica annuale e l'esame clinico della mammella più la mammografia biennale ( gruppo MRI ) o la mammografia annuale e l'esame clinico del seno ( gruppo mammografia ).

Gli esiti primari erano il numero, la dimensione e lo stato linfonodale dei tumori alla mammella rilevati.
Tra il 2011 e il 2017, 1.355 donne hanno fornito il consenso per la randomizzazione e 231 alla registrazione. 675 donne su 1.355 sono state assegnate casualmente al gruppo MRI e 680 al gruppo mammografico.
218 delle 231 donne che hanno scelto di far parte del gruppo di registrazione hanno fatto parte del gruppo di registrazione mammografica e 13 erano nel gruppo di registrazione MRI.
Il numero medio di screening per donna è stato parte di 4.3.

Sono stati rilevati più tumori al seno nel gruppo MRI rispetto al gruppo mammografia ( 40 vs 15; P=0.0017 ). I tumori invasivi ( 24 nel gruppo MRI e 8 nel gruppo mammografia ) erano più piccoli nel gruppo MRI rispetto al gruppo mammografia ( dimensione mediana 9 mm vs 17 mm; P=0.010 ) e meno frequentemente linfonodo positivi ( 4 su 24, 17%, vs 5 su 8, 63%; P=0.023 ).

Gli stadi tumorali dei tumori rilevati nei round di screening incidenti erano significativamente precedenti nel gruppo MRI ( 12 su 25, 48%, nel gruppo MRI vs 1 su 15, 7%, nel gruppo mammografico erano tumori in stadio T1a e T1b; 1 su 25 ( 4% ) nel gruppo MRI e 2 su 15 ( 13% ) nel gruppo mammografico erano in stadio T2 o superiore; P=0.035 ) e tumori linfonodo positivi erano meno frequenti ( 2 su 18, 11%, nel gruppo di risonanza magnetica vs 5 su 8, 63%, nel gruppo mammografico; P=0.014 ).

Tutti e 7 i tumori allo stadio T2 o superiore erano nelle due categorie di densità mammaria più elevate ( rapporti di imaging mammario e categorie di sistemi di dati C e D; P=0.0077 ).

Una paziente è deceduta per tumore alla mammella durante il follow-up ( gruppo di registrazione mammografica ).

Lo screening MRI ha rilevato tumori in una fase precedente rispetto alla mammografia. Il minor numero di tumori in fase avanzata identificati nei round di diagnosi incidente potrebbe ridurre l'uso della chemioterapia adiuvante e ridurre la mortalità correlata al tumore al seno.
Tuttavia, i vantaggi dell'approccio di screening con risonanza magnetica potrebbero verificarsi al costo di più risultati falsi positivi, soprattutto con alta densità mammaria. ( Xagena2019 )

Saadatmand S et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1136-1147

Onco2019 Gyne2019



Indietro