Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis
Roche Oncologia

Rischio di cardiopatia ischemica nelle donne dopo radioterapia per tumore alla mammella


La radioterapia per il carcinoma alla mammella spesso coinvolge alcune esposizioni accidentali del cuore a radiazione ionizzante.
L’effetto di tale esposizione sul successivo rischio di cardiopatia ischemica non è ben definito.

È stato condotto uno studio caso-controllo di popolazione su eventi coronarici maggiori ( infarto del miocardio, rivascolarizzazione coronarica o decesso per cardiopatia ischemica ) in 2.168 donne sottoposte a radioterapia per carcinoma mammario tra il 1958 e il 2001 in Svezia e Danimarca; lo studio ha incluso 963 donne con eventi coronarici maggiori e 1.205 controlli.

Informazioni sulle singole pazienti sono state ottenute dai registri ospedalieri.

Per ciascuna donna, le dosi medie di radiazione al cuore intero e alla arteria coronaria sinistra anteriore discendente sono state stimate dalla cartella di radioterapia.

La media generale delle dosi medie che hanno interessato l’intero cuore è stata di 4.9 Gy ( intervallo, 0.03-27.72 ).

I tassi di eventi coronarici maggiori sono aumentati in modo lineare con la dose media al cuore del 7.4% per gray ( P inferiore a 0.001 ), senza una soglia apparente.

L’aumento è iniziato entro i primi 5 anni dopo la radioterapia ed è proseguito nella terza decade dopo la radioterapia.

L’aumento proporzionale nel tasso di eventi coronarici maggiori per gray è risultato simile in donne con e senza fattori di rischio cardiaco al momento della radioterapia.

In conclusione, l’esposizione del cuore a radiazione ionizzante durante la radioterapia per tumore al seno aumenta il successivo tasso di cardiopatia ischemica.
L’aumento è proporzionale alla dose media ricevuta dal cuore; inizia entro pochi anni dopo l’esposizione, e continua per almeno 20 anni.
Le donne con preesistenti fattori di rischio cardiaco mostrano un maggiore aumento assoluto del rischio associato alla radioterapia, rispetto alle altre donne. ( Xagena2013

Darby SC et al, N Engl J Med 2013; 368: 987-998

Cardio2013 Onco2013 Gyne2013



Indietro