Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
XagenaNewsletter

Rischio assoluto a lungo termine di neoplasia intraepiteliale cervicale di grado 3 o maggiore dopo infezione da papillomavirus


L'infezione da papillomavirus ( HPV ) ad alto-rischio è la principale causa di neoplasia intraepiteliale cervicale di alto grado e cancro.
È stato suggerito che l'informazione relativa all'infezione specifica da sottotipo HPV ad alto rischio possa rendere più efficace lo screening per il carcinoma della cervice e che l'infezione persistente da HPV possa rappresentare un utile marcatore per lo screening.

Uno studio ha valutato il rischio a lungo termine della neoplasia cervicale intraepiteliale ( CIN ) di alto grado dopo l'individuazione di DNA di HPV ad alto rischio e dopo infezione persistente con singoli tipi di HPV ad alto rischio.

Una coorte costituita da 8656 donne della popolazione generale danese sono state esaminate 2 volte, a distanza di 2 anni l'una dall'altra ( prima visita: tra maggio 1991 e gennaio 1993; seconda visita: tra ottobre 1993 e gennaio 1995 ).

Le donne sono state sottoposte a visita ginecologica ed esame citologico cervicale e sono state sottoposte a prelievo di cellule per l'analisi del DNA di HPV con saggi Hybrid Capture 2.

Le donne sono state seguite attraverso il Danish Pathology Data Bank per neoplasia cervicale per un periodo fino a 13.4 anni.

Per le donne con esame citologico normale e concomitante positività per il DNA di HPV16 alla seconda visita, la probabilità stimata di sviluppare CIN di grado 3 ( CIN3 ) o superiore entro 12 anni di follow-up è stata del 26.7%.

I corrispondenti rischi per le donne infettate sono stati pari a 19.1% con HPV18, 14.3% con HPV31 e 14.9% con HPV33.

Il rischio assoluto di CIN3 o esito peggiore dopo infezione con tipi HPV ad alto rischio diversi da HPV16, HPV18, HPV31 o HPV33 è stato del 6%, e il rischio assoluto stimato per CIN3 o cancro entro 12 anni dalla seconda visita tra le donne positive per il DNA di HPV16 in entrambe le visite è stato del 47.4%; di contro, il rischio di CIN3 o esito peggiore in seguito a test Hybrid Capture 2 negativo è stato del 3%.

In conclusione, l'infezione da HPV16, HPV18, HPV31 e HPV33, e soprattutto la persistenza di HPV16 sono risultate associate ad alti rischi assoluti di progressione a lesioni cervicali di alto grado.
Questi risultati sottolineano il potenziale valore dell'analisi del genotipo virale nello screening per il carcinoma cervicale, e dato che le donne negative per il DNA di HPV mantengono per molti anni il loro basso rischio di CIN3 o peggiore, lo screening frequente di queste donne potrebbe rivelarsi non necessario. ( Xagena2010 )

Kjær SK et al, J Natl Cancer Inst 2010; 102: 1478-1488


Onco2010 Gyne2010 Inf2010



Indietro