Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Novartis
OncoHub

Olaparib versus chemioterapia non-Platino nei pazienti con tumore ovarico recidivante sensibile al Platino e una mutazione della linea germinale BRCA1/2: studio SOLO3


Uno studio di fase II ha mostrato l'attività delle capsule di Olaparib ( Lynparza ) versus Doxorubicina liposomiale pegilata nei pazienti con tumore all'ovaio recidivato, resistente al Platino o parzialmente Platino-sensibile, con mutazione della linea germinale BRCA.

È stato condotto uno studio di fase III (SOLO3) su compresse di Olaparib rispetto alla chemioterapia non-Platino in pazienti con tumore ovarico recidivato con mutazione della linea germinale BRCA sensibile al Platino che avevano ricevuto almeno due precedenti linee di chemioterapia a base di Platino.

In questo studio randomizzato in aperto, le pazienti sono state assegnate in modo casuale a Olaparib 300 mg due volte al giorno o alla chemioterapia non-Platino a singolo agente scelto dal medico ( Doxorubicina liposomiale pegilata, Paclitaxel, Gemcitabina o Topotecan ).

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) nel set di analisi di malattia misurabile valutato da BICR ( revisione centrale indipendente in cieco ).

L'endpoint secondario chiave era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata da BICR nella popolazione intent-to-treat.

Delle 266 pazienti randomizzate, 178 sono state assegnate a Olaparib e 88 a chemioterapia.

Nelle pazienti con malattia misurabile ( Olaparib, n=151; chemioterapia, n=72 ), il tasso ORR valutato da BICR era significativamente più alto con Olaparib rispetto alla chemioterapia ( 72.2% vs 51.4%; odds ratio, OR=2.53; P=0.002 ).

Nel sottogruppo che aveva ricevuto due precedenti linee di trattamento, il tasso ORR è stato dell'84.6% con Olaparib e del 61.5% con chemioterapia ( OR=3.44 ).

Anche la sopravvivenza libera da progressione valutata da BICR ha favorito significativamente Olaparib rispetto alla chemioterapia ( hazard ratio,HR= 0.62; P=0.013; mediana, 13.4 vs 9.2 mesi ).

Gli eventi avversi sono stati coerenti con i profili di sicurezza stabiliti di Olaparib e chemioterapia.

Olaparib ha portato a miglioramenti statisticamente significativi e clinicamente rilevanti del tasso di risposta obiettiva e della sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia non-Platino nei pazienti con tumore ovarico recidivato, sensibile al Platino, con mutazione di BRCA della linea germinale, che avevano ricevuto almeno due precedenti linee di chemioterapia a base di Platino. ( Xagena2020 )

Penson RT et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1164-1174

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro