Lung Unit
BMS
Roche Oncologia
Novartis

Niraparib più Bevacizumab versus Niraparib da solo per tumore all'ovaio ricorrente, sensibile al Platino


La chemioterapia con Platino è la base del trattamento per il carcinoma ovarico ricorrente sensibile al Platino, ma presenta una tossicità sostanziale.
Bevacizumab ( Avastin ) e gli inibitori del della poli-ADP-ribosio polimerasi ( PARP ) di mantenimento migliorano significativamente l'efficacia rispetto alla terapia standard, principalmente in termini di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), e offrono il potenziale per un trattamento privo di chemioterapia.

AVANOVA2 ha confrontato Niraparib ( Zejula ) e Bevacizumab rispetto al solo Niraparib come trattamento definitivo per il cancro all'ovaio ricorrente, sensibile al Platino.

Uno studio in aperto, randomizzato, di fase 2, di superiorità, condotto in 15 ospedali universitari in Danimarca, Svezia, Finlandia, Norvegia e Stati Uniti ha arruolato donne di età pari o superiore a 18 anni con tumore ovarico ricorrente misurabile o valutabile di grado alto sieroso o endometrioide sensibile al Platino.
Le pazienti dovevano avere un ECOG performance status di 0-2 e dovevano aver precedentemente ricevuto una terapia contenente Platino per la malattia primaria ma 1 o meno precedenti regimi non-contenenti Platino per la malattia ricorrente.

È stato consentito un trattamento precedente con Bevacizumab o inibitori PARP di mantenimento di prima linea.
Le pazienti eleggibili sono state assegnate in modo casuale stratificando in base allo stato di carenza della ricombinazione omologa e all'intervallo libero dalla chemioterapia, a ricevere Niraparib orale una volta al giorno 300 mg da solo o con Bevacizumab per via endovenosa 15 mg/kg una volta ogni 3 settimane fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, valutata nella popolazione intention-to-treat dopo eventi in almeno 62 pazienti.
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2016 e il 2017, 97 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale: 48 a Niraparib più Bevacizumab e 49 a Niraparib in monoterapia.
Il follow-up mediano è stato di 16.9 mesi.

Niraparib associato a Bevacizumab ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto al solo Niraparib ( sopravvivenza libera da progressione mediana 11.9 mesi vs 5.5 mesi, rispettivamente; hazard ratio aggiustato HR 0.35, P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi di grado 3 o peggiore si sono verificati in 31 pazienti su 48 ( 65% ) che hanno ricevuto Niraparib più Bevacizumab e in 22 su 49 ( 45% ) che hanno ricevuto Niraparib in monoterapia.
Gli eventi avversi di grado 3 o peggiori più comuni in entrambi i gruppi sono stati anemia ( 7 su 48, 15%, vs 9 su 49, 18% ) e trombocitopenia ( 5, 10%, vs 6, 12% ) e ipertensione nel gruppo di combinazione ( 10, 21%, vs 0 ).

Niraparib più Bevacizumab è risultato associato a un aumento dell'incidenza di proteinuria di qualsiasi grado ( 10 su 48 pazienti, 21%, vs 0 ) e ipertensione ( 27 su 48, 56%, vs 11 su 49, 22% ) rispetto al solo Niraparib.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

L'efficacia osservata con questa combinazione priva di chemioterapia di agenti approvati nelle donne con carcinoma ovarico ricorrente sensibile al Platino merita un'ulteriore valutazione.
È previsto uno studio randomizzato di fase 3 che studi Niraparib più Bevacizumab rispetto a chemioterapia più Bevacizumab nel tumore ovarico ricorrente sensibile al Platino. ( Xagena2019 )

Mirza MR et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1409-1419

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro