Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Oncologia Morabito

Lapatinib in monoterapia o in combinazione con Trastuzumab in donne con carcinoma mammario metastatico, refrattario a Trastuzumab e positivo per ErbB2


Studi preclinici su linee cellulari positive per ErbB2 hanno dimostrato un'interazione sinergica tra Lapatinib ( Tykerb ) e Trastuzumab ( Herceptin ), suggerendo che un doppio blocco sia più efficace rispetto a un singolo agente in monoterapia.

Lo studio EGF104900 ha confrontato l'attività di Lapatinib da solo o in combinazione con Trastuzumab in pazienti con carcinoma mammario metastatico, refrattario a Trastuzumab e positivo per ErbB2.

I pazienti con tumore mammario metastatico positivo per ErbB2 andati incontro a progressione durante precedenti regimi con Trastuzumab sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Lapatinib in monoterapia o in combinazione con Trastuzumab.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, mentre gli endpoint secondari di efficacia includevano tasso di risposta generale, tasso di beneficio clinico ( risposta completa, risposta parziale e malattia stabile per 24 settimane o più ) e sopravvivenza generale.

Nella popolazione analizzata con il metodo intent-to-treat ( n=296 ) che aveva ricevuto un numero mediano di 3 precedenti regimi contenenti Trastuzumab, la combinazione di Lapatinib con Trastuzumab è risultata superiore al solo Lapatinib in termini di sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR=0.73; P=0.008 ) e tasso di beneficio clinico ( 24.7% nel braccio combinazione versus 12.4% nel braccio monoterapia; P=0.01 ).

È stata osservata una tendenza a un miglioramento della sopravvivenza generale nel braccio combinazione ( HR=0.75; P=0.106 ) e non è stata osservata differenza nel tasso di risposta generale ( 10.3% nel braccio combinazione versus 6.9% nel braccio monoterapia; P=0.46 ).

I più frequenti eventi avversi sono stati diarrea, rash, nausea e fatigue; la diarrea è risultata più elevata nel ramo di combinazione ( P=0.03 ) e l'incidenza di eventi cardiaci sintomatici e asintomatici è risultata bassa ( terapia di combinazione: 2% e 3.4%; monoterapia: 0.7% e 1.4%, rispettivamente ).

In conclusione, nonostante la progressione della malattia nel corso di precedenti terapie a base di Trastuzumab, Lapatinib in combinazione con Trastuzumab ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione e il tasso di beneficio clinico rispetto a Lapatinib da solo, offrendo un'opzione di trattamento libera da chemioterapia, con un accettabile profilo di sicurezza per le pazienti con tumore alla mammella metastatico positivo per ErbB2. ( Xagena2010 )

Blackwell KL et al, J Clin Oncol 2010; 28: 1124-1130


Gyne2010 Farma2010 Onco2010


Indietro