Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
ForumOncologico

Inefficacia di Ramucirumab aggiunto alla chemioterapia con Docetaxel nel carcinoma mammario metastatico


Attualmente, le strategie antiangiogeniche nel carcinoma mammario metastatico hanno dimostrato miglioramenti modesti in termini di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), ma non miglioramenti della qualità e della durata della sopravvivenza, che giustificano la valutazione di nuovi agenti in un ambito controllato con placebo.

Ramucirumab ( Cyramza ) è un anticorpo umano immunoglobulina G1 che lega il recettore 2 del fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ) e blocca l'attivazione ligando-stimolata.

Lo studio ROSE/TRIO-012 ha valutato Ramucirumab con Docetaxel ( Taxotere ) nel carcinoma mammario resecabile, localmente ricorrente, o metastatico.

In questo studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, di fase III, 1.144 pazienti con cancro al seno negativa al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) che non avevano ricevuto chemioterapia citotossica sono state assegnate in modo casuale a ricevere Docetaxel 75 mg/m2 più Ramucirumab 10 mg/kg o Docetaxel 75 mg/m2 e placebo una volta ogni 3 settimane.

Il trattamento è continuato fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, o altri criteri di interruzione dello studio.

I pazienti sono stati stratificati per una precedente terapia con taxani, metastasi viscerali, stato dei recettori ormonali, e regione geografica.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

La sopravvivenza mediana libera da progressione nelle pazienti trattate con Ramucirumab più Docetaxel è stata di 9.5 mesi, rispetto a 8.2 mesi nelle pazienti che hanno ricevuto placebo più Docetaxel ( hazard ratio, HR=0.88; P=0.077 ).

La sopravvivenza generale mediana è stata di 27.3 mesi nelle pazienti che hanno ricevuto Ramucirumab più Docetaxel, rispetto a 27.2 mesi nelle pazienti che hanno ricevuto placebo più Docetaxel ( HR=1.01; P=0.915 ).

Le tossicità osservate a tassi significativamente più elevati nei pazienti che hanno ricevuto Ramucirumab hanno incluso: affaticamento, ipertensione, neutropenia febbrile, sindrome di eritrodisestesia palmo-plantare e stomatite.

In conclusione, l’aggiunta di Ramucirumab a Docetaxel nel carcinoma mammario avanzato HER2-negativo non ha migliorato significativamente importanti esiti clinici. ( Xagena2015 )

Mackey JR et al, J Clin Oncol 2015;33:141-148

Gyne2015 Onco2015 Farma2015


Indietro