Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
OncoPneumologia

Identificazione del tumore alla mammella con aggiunta alla mammografia dello screening ecografico annuale o di un singolo screening di risonanza magnetica nelle donne a elevato rischio


Lo screening basato sulla ecografia annuale potrebbe identificare carcinomi mammari piccoli e linfonodo-negativi che non emergono all’esame con mammografia.
La risonanza magnetica potrebbe svelare la presenza di ulteriori tumori mammari non-identificati con mammografia e con screening ecografico.

È stato condotto uno studio per determinare il tasso di identificazione supplementare di carcinomi con ecografia e risonanza magnetica in donne ad alto rischio di cancro alla mammella.

Nel periodo 2004-2006, 2.809 donne con elevato rischio di carcinoma e seni a struttura densa in 21 Centri hanno dato il consenso a 3 screening annuali indipendenti con mammografia ed ecografia in ordine casuale.

Dopo 3 cicli di entrambi gli screening, 612 delle 703 donne che avevano scelto di sottoporsi a risonanza magnetica disponevano di dati completi.

Lo standard di riferimento è stato definito come una combinazione di patologia ( risultati bioptici che mostravano carcinoma duttale in situ o infiltrante o carcinoma lobulare infiltrante nel seno o nei linfonodi ascellari ).

Il periodo di follow-up è stato di 12 mesi.

Le principali misure di esito erano tasso di identificazione di carcinoma, sensibilità, specificità, valore predittivo positivo ( PPV3 ) di biopsie effettuate.

In totale, 2.662 donne sono state sottoposte a 7.473 screening con mammografie ed ecografia, 110 delle quali hanno fatto registrare 111 eventi di tumore alla mammella: 33 identificati con la sola mammografia, 32 con la sola ecografia, 26 con entrambe e 9 con risonanza magnetica dopo mammografia più ecografia; 11 non sono stati identificati con nessuno degli screening per immagini.

In 4.814 valutazioni di incidenza nel secondo e terzo anno combinati, 75 donne hanno ricevuto diagnosi di cancro.

Ulteriori screening ecografici di incidenza hanno identificato 3.7 carcinomi per 1000 valutazioni ( P inferiore a 0.001 ).

La sensibilità per mammografia più ecografia è stata pari a 0.76; la specificità a 0.84, e il valore predittivo positivo è stato di 0.16.

Per la sola mammografia, la sensibilità è stata di 0.52; la specificità 0.91 e il valore predittivo positivo 0.38 ( P inferiore a 0.001 per tutti i confronti ).

Tra le partecipanti sottoposte a risonanza magnetica, 16 donne ( 2.6% ) hanno ricevuto diagnosi di carcinoma mammario.

Il tasso supplementare con la risonanza magnetica è stato di 14.7 per 1000 ( P=0.004 ).

La sensibilità per risonanza magnetica e mammografia più ecografia è stata 1.00; la specificità 0.65 e il valore predittivo positivo 0.19.

Per mammografia ed ecografia, la sensibilità è stata pari a 0.44 ( P=0.004 ); la specificità 0.84 ( P inferiore a 0.001 ) e il valore predittivo positivo 0.18 ( P=0.98 ).

Il numero di valutazioni necessarie per identificare 1 tumore è stato 127 per la mammografia; 234 per l’ecografia supplementare e 68 per la risonanza magnetica dopo risultati negativi in mammografia ed ecografia.

In conclusione, l’aggiunta di screening ecografici o di risonanza magnetica alla mammografia in donne con aumentato rischio di carcinoma mammario ha portato non solo a un più elevato tasso di identificazione del carcinoma, ma anche a un aumento dei risultati falsi-positivi. ( Xagena2012 )

Berg WA et al, JAMA 2012; 307: 1394-1404


Onco2012 Gyne2012 Diagno2012



Indietro