Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumori testa-collo

Genotipo tumorale PIK3CA e prognosi nel cancro mammario in stadio iniziale


Le mutazioni nel gene PIK3CA sono frequentemente osservate nel carcinoma mammario primario.
È stata valutata la loro rilevanza prognostica eseguendo una analisi aggregata dei dati di singoli pazienti.

Associazioni tra stato PIK3CA e caratteristiche clinicopatologiche sono state testate applicando modelli di regressione di Cox aggiustati per età, dimensioni del tumore, linfonodi, grado, stato del recettore dell’estrogeno ( ER ), stato del recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ), trattamento e studio.

La sopravvivenza libera da malattia invasiva ( IDFS ) era l'endpoint primario; anche la sopravvivenza libera da malattia a distanza ( DDFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state valutate, in generale e in base ai sottotipi di tumore al seno.

Sono stati inclusi i dati di 10.319 pazienti di 19 studi ( follow-up mediano di sopravvivenza globale, 6.9 anni ); 1.987 pazienti ( 17% ) hanno ricevuto chemioterapia, 4.036 ( 39% ) hanno ricevuto monoterapia endocrina, 3.583 ( 35% ) hanno ricevuto entrambi e 913 ( 9% ) non ne hanno ricevuta nessuna o il loro trattamento era sconosciuto.

Le mutazioni di PIK3CA si sono verificate nel 32% dei pazienti, con associazioni significative con positività a ER, aumento dell'età, grado più basso e dimensioni più piccole ( tutti P minore di 0.001 ).

La prevalenza delle mutazioni PIK3CA è stata rispettivamente del 18%, 22% e 37% nei sottotipi ER-negativi / HER2-negativi, HER2-positivi ed ER-positivi / HER2-negativi.

All'analisi univariabile, le mutazioni PIK3CA sono risultate associate a sopravvivenza libera da malattia invasiva migliore ( hazard ratio, HR=0.77; P minore di 0.001 ), con evidenza di un effetto più forte nei primi anni di follow-up ( da 0 a 5 anni: HR=0.73, P minore di 0.001; da 5 a 10 anni: HR=0.82, P=0.037; più di 10 anni: HR=1.15, P=0.38; P eterogeneità=0.02 ).

All'analisi multivariata, il genotipo PIK3CA è rimasto significativo per il miglioramento di sopravvivenza libera da malattia invasiva ( P=0.043 ), ma non per gli endpoint sopravvivenza libera da malattia a distanza e sopravvivenza globale.

In conclusione, in questa ampia analisi combinata, le mutazioni PIK3CA sono state significativamente associate a sopravvivenza migliore libera da malattia invasiva, libera da malattia a distanza, e a sopravvivenza globale, ma hanno avuto un effetto prognostico minore dopo aggiustamento per altri fattori prognostici. ( Xagena2018 )

Zardavas D et al, J Clin Oncol 2018; 36: 981-990

Onco2018 Gyne2018



Indietro