Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore Vescica

Effetti di Tamoxifene ed Exemestane sul funzionamento cognitivo nelle pazienti in postmenopausa con carcinoma alla mammella


Uno studio ha valutato l'influenza di terapia adiuvante con Tamoxifene ( Nolvadex ) ed Exemestane ( Aromasin ) sul funzionamento cognitivo nelle donne in postmenopausa con carcinoma mammario.

Prima dell'inizio del trattamento endocrino adiuvante e dopo 1 anno sono state effettuate valutazioni neuropsicologiche su pazienti olandesi con tumore mammario non-sottoposte a chemioterapia.

Le pazienti erano parte dello studio internazionale TEAM ( Tamoxifen and Exemestane Adjuvant Multinational ), prospettico e randomizzato, su Tamoxifene versus Exemestane come terapia adiuvante per il tumore alla mammella sensibile agli ormoni.

Nello studio sono state coinvolte 80 utilizzatrici di Tamoxifene ( età media, 68.7 anni; intervallo da 51 a 84 ), 99 utilizzatrici di Exemestane ( età media, 68.3 anni; intervallo da 50 a 82 ) e 120 controlli sani ( età media, 66.2 anni; intervallo da 49 a 86 ).

Dopo 1 anno dall'inizio del trattamento e dopo aggiustamenti per la performance al momento dell'inizio dello stesso, le donne trattate con Exemestane non hanno mostrato una performance peggiore, statisticamente significativa, rispetto ai controlli sani in nessuno dei domini cognitivi.

Di contro, le donen che hanno fatto uso di Tamoxifene hanno mostrato una performance peggiore e statisticamente significativa rispetto ai controlli sani per quanto riguarda memoria verbale ( P inferiore a 0.01 ) funzionalità esecutiva ( P=0.01 ) e una performance peggiore e statisticamente significativa rispetto al gruppo Exemestane per quanto concerne la velocità di processamento delle informazioni ( P=0.02 ).

Per quanto riguarda memoria visiva, memoria lavorativa, fluidità verbale, velocità di reazione e velocità motoria non sono emerse differenze significative tra i tre gruppi.

In conclusione, dopo 1 anno di terapia adiuvante, l'utilizzo di Tamoxifene è risultato associato a una funzionalità inferiore e statisticamente significativa in memoria verbale, e funzionalità esecutiva, mentre l'uso di Exemestane non è risultato associato a funzionalità cognitiva inferiore e statisticamente significativa in donne in post-menopausa con cancro alla mammella.
Questi risultati sottolineano la necessità di includere la valutazione degli effetti cognitivi del trattamento endocrino adiuvante negli studi sulla sicurezza a lungo termine. ( Xagena2010 )

Schilder CM et al, J Clin Oncol 2010; 28: 1294-300



Onco2010 Farma2010 Gyne2010


Indietro