Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis

Dostarlimab, un anticorpo anti PD-1, nelle donne con tumore dell'endometrio ricorrente o avanzato, con deficit della riparazione MMR del DNA


Dall' analisi aggiornata dello studio di fase 1 GARNET è emersa un'attività clinica promettente dell'inibitore PD-1, Dostarlimab, con risultati clinicamente significativi, in donne con carcinoma endometriale ricorrente o avanzato, con deficit della riparazione dei mismatch del DNA ( dMMR ), con progressione del tumore durante o dopo un regime a base di Platino.

Le opzioni terapeutiche disponibili per le donne con carcinoma endometriale avanzato o ricorrente sono limitate e la prognosi di queste pazienti è sfavorevole.
I risultati osservati nello studio GARNET evidenziano le potenzialità di Dostarlimab come nuova opzione terapeutica per le donne con questa patologia.

Lo studio GARNET, tuttora in corso e in fase di arruolamento, sta valutando Dostarlimab come monoterapia nei pazienti con tumori solidi avanzati e rappresenta, ad oggi, il più ampio set di dati su un anticorpo anti-PD-1 come trattamento per il carcinoma dell'endometrio.

La parte 2B dello studio comprende cinque coorti di espansione: pazienti affette da carcinoma endometriale con dMMR/ MSI-H ( alta instabilità dei microsatelliti ) [ coorte A1 ], pazienti con carcinoma endometriale con riparazione dei mismatch funzionante [ coorte A2 ], pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule [ coorte E ], pazienti con carcinoma non-endometrioide con dMMR / MSI-H [ coorte F ] e pazienti con carcinoma ovarico con resistenza al Platino senza mutazioni di BRCA [ coorte G ].

L’analisi aggiornata ha riguardato 71 pazienti affette da carcinoma endometriale con dMMR che avevano una malattia misurabile al basale e almeno 6 mesi di follow-up al momento del cut-off dei dati.
Le pazienti sono state trattate con Dostarlimab 500 mg una volta ogni 3 settimane per 4 volte, e successivamente con 1000 mg una volta ogni 6 settimane fino a progressione della malattia.
Gli endpoint primari erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la durata della risposta ( DOR ), valutati in modo centralizzato secondo i criteri RECIST v 1.1 da revisori indipendenti, in cieco.

Il trattamento con Dostarlimab è risultato associato a un tasso di risposta obiettiva del 42% ( IC 95%, 31-55 ) e un tasso di controllo della malattia del 58% ( IC 95%, 45-69 ).
Complessivamente, il 13% delle pazienti ha ottenuto una risposta completa ( CR ) e il 30% una risposta parziale ( PR ).

Al momento del cut-off dei dati, con un follow-up mediano di 11.2 mesi, la durata mediana della risposta non era ancora stata raggiunta.

Il profilo di sicurezza di Dostarlimab è apparso accettabile. L’analisi della sicurezza è stata condotta su tutte le pazienti con carcinoma endometriale con dMMR che avevano ricevuto almeno una dose di Dostarlimab ( n=104 ).
Gli eventi avversi correlati al trattamento riportati con maggiore frequenza sono stati: astenia ( 15% ), diarrea ( 15% ), affaticamento ( 14% ) e nausea ( 13% ).

Il tasso di interruzione ( 2% ) a causa di eventi avversi correlati al trattamento è stato coerente con i profili di sicurezza di altri farmaci anti-PD-1.

Durante lo studio si sono registrati 4 decessi ( 6% ), ma nessuno è stato ritenuto correlato al farmaco in studio. ( Xagena2020 )

Fonte: Society of Gynecologic Oncology ( SGO ) Meeting, 2020

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro