Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore prostata

Docetaxel più Aflibercept nei pazienti con carcinoma ovarico ricorrente, peritoneale primario o delle tube di Falloppio


È stato ipotizzato che le terapie biologiche mirate possano rappresentare una strategia per migliorare gli esiti nelle donne con carcinoma ovarico.

Uno studio ha valutato sicurezza, tollerabilità, farmacocinetica, biomarcatori rilevanti circolanti o derivati da diagnostica per immagini e attività clinica della combinazione di Aflibercept ( Zaltrap ) e Docetaxel ( Taxotere ) in questa popolazione.

Per la fase 1 dello studio ( farmacocinetica ), le pazienti eleggibili mostravano carcinoma ovarico epiteliale, peritoneale primario o delle tube di Falloppio misurabile, ricorrente o persistente con un massimo di due precedenti regimi di chemioterapia.

Aflibercept è stato somministrato per via intravenosa a 3 livelli di dose ( 2, 4 o 6 mg/kg; una dose ogni 21 giorni ) per identificare la massima dose tollerata per la fase 2 dello studio.

È stata valutata la farmacocinetica e sono stati effettuati studi di imaging dinamico durante una fase di lead-in con monoterapia con Aflibercept ( ciclo 0 ) e durante la terapia di combinazione con Docetaxel per via intravenosa ( 75 mg/m2 ).

I criteri di eleggibilità per la fase 2 erano gli stessi utilizzati per la fase 1.

Le pazienti sono state arruolate in un disegno a 2 stadi ed è stato somministrato loro Aflibercept 6 mg/kg per via intravenosa in combinazione con Docetaxel 75 mg/m2 per via intravenosa, ogni 3 settimane.

L’endpoint primario era il tasso di risposta oggettivo valutato secondo i criteri RECIST ( Response Evaluation Criteria in Solid Tumors ) versione 1.0.

Dalla fase 1 dello studio, le dosi raccomandate per la fase 2 di Aflibercept e Docetaxel sono state identificate in 6 mg/kg e 75 mg/m2, rispettivamente.

Per Aflibercept non-legato è stata identificata una farmacocinetica log-lineare per i tre livelli di dose.

Non sono state osservate tossicità dose-limitanti.

Nella fase 2 dello studio sono state arruolate 46 pazienti valutabili; 33 sono risultate essere resistenti al Platino ( 15 refrattarie ) e 13 sensibili al Platino.

Il tasso di risposta oggettivo confermato è stato del 54% ( 25 su 46; 11 pazienti con risposta completa e 14 con risposta parziale ).

Le tossicità di grado 3-4 osservate in più di 2 pazienti ( 5% ) sono state: neutropenia in 37 pazienti ( 80% ); leucopenia in 25 pazienti ( 54% ); fatigue in 23 ( 50% ); dispnea in 10 ( 22% ) e stomatite in 3 ( 7% ).

Eventi avversi specificamente associati ad Aflibercept sono stati: ipertensione di grado 1-2 in 5 pazienti ( 11% ) e proteinuria di grado 2 in 1 paziente ( 2% ).

In conclusione, la somministrazione della combinazione di Aflibercept più Docetaxel risulta sicura alla dose e con lo schema riportato in questo studio ed è associata a una sostanziale attività antitumorale. ( Xagena2011 )

Coleman RL et al, Lancet Oncol 2011; 12: 1109-1117

Onco2011 Gyne2011 Farma2011


Indietro