Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
ForumOncologico

Conservazione della fertilità per le ragazze e le giovani donne con cancro: validazione dei criteri di crioconservazione del tessuto ovarico


La crioconservazione del tessuto ovarico con successivo reimpianto ha dimostrato di preservare la fertilità nelle donne adulte, ma questo approccio rimane senza dimostrazioni e solo sperimentale nelle bambine e nelle adolescenti.

Uno studio ha valutato l'uso dei criteri di selezione di Edimburgo per la crioconservazione del tessuto ovarico nelle ragazze e nelle giovani donne con cancro per determinare se si sta offrendo questa procedura invasiva alle pazienti più a rischio di insufficienza ovarica precoce.

La crioconservazione del tessuto ovarico è stata selettivamente offerta a ragazze e giovani donne con cancro che hanno incontrato i criteri di selezione di Edimburgo a partire dal 1996.

Tra il 1996 e il 2012, 410 pazienti di sesso femminile di età inferiore ai 18 anni al momento della diagnosi sono state trattate per cancro ( tra cui leucemia e tumori al cervello ) presso il Children’s Cancer Centre di Edimburgo, che serve l'intero sud-est della Scozia.

È stato determinato lo stato ovarico di queste pazienti dalla revisione delle cartelle cliniche e sono state classificate con insufficienza ovarica prematura oppure senza, o come impossibili da determinare.

Le pazienti di età inferiore a 12 anni al momento del cut-off dei dati ( gennaio 2013 ) sono state escluse dall'analisi.

A 34 pazienti su 410 ( 8% ) che soddisfacevano i criteri di selezione di Edimburgo è stata offerta la crioconservazione del tessuto ovarico prima di iniziare il trattamento del cancro.
13 pazienti hanno rifiutato la procedura e 21 hanno acconsentito; la procedura è stata completata con successo in 20 pazienti.

Delle 20 pazienti con tessuto ovarico crioconservato con successo, 14 sono state disponibili per la valutazione della funzione ovarica.

Delle 13 pazienti che avevano rifiutato la procedura, 6 sono state disponibili per la valutazione della funzione ovarica.

L'età media al momento del follow-up per le 20 pazienti valutabili era di 16.9 anni.

Delle 14 pazienti valutabili sottoposte con successo alla crioconservazione dell'ovaio, 6 hanno sviluppato insufficienza ovarica prematura a un'età media di 13.4 anni, una delle quali ha avuto anche una gravidanza naturale.

Delle 6 pazienti valutabili che avevano rifiutato la procedura, una ha sviluppato insufficienza ovarica precoce.

La valutazione della funzione ovarica è stata possibile per 141 delle 376 pazienti a cui non è stata offerta la crioconservazione; una di queste pazienti ha sviluppato insufficienza ovarica precoce.

La probabilità cumulativa di sviluppare insufficienza ovarica precoce dopo il completamento del trattamento è stata significativamente più alta per le pazienti che hanno soddisfatto i criteri per la crioconservazione del tessuto ovarico che per coloro che non li hanno soddisfatti ( probabilità a 15 anni 35% vs 1%; P minore di 0.0001; hazard ratio, HR=56.8 a 10 anni ).

I risultati di questa analisi hanno mostrato che i criteri di selezione di Edimburgo identificano con precisione le poche ragazze e le giovani donne che svilupperanno insufficienza ovarica prematura, e convalidano il loro uso per la selezione di pazienti per la crioconservazione del tessuto ovarico.
Un ulteriore follow-up di questa coorte di pazienti potrebbe consentire un affinamento dei criteri per questa procedura sperimentale nelle ragazze e nelle giovani donne con cancro. ( Xagena2014 )

Wallace WHB et al, Lancet 2014;15:1129-1136

Onco2014 Gyne2014



Indietro