Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Confronto tra Vintafolide e Doxorubicina liposomale pegilata in combinazione versus la sola Doxorubicina liposomale pegilata in pazienti con carcinoma ovarico resistente al Platino


Vintafolide è un farmaco coniugato Acido folico - Desacetilvinblastina che si lega al recettore del folato, espresso nella maggior parte dei carcinomi ovarici epiteliali.

Uno studio randomizzato di fase II ( PRECEDENT ) ha valutato Vintafolide in combinazione con Doxorubicina liposomale pegilata rispetto alla sola Doxorubicina liposomale pegilata.

È stata inoltre valutata l’utilità di un agente per la diagnostica per immagini diretto contro il recettore del folato, (99m)Tc-Etarfolatide, per la selezione di pazienti con maggiore probabilità di trarre beneficio da Vintafolide.

Donne con carcinoma ovarico ricorrente resistente al Platino, sottoposte a due o meno precedenti regimi citotossici, sono state assegnate in maniera casuale e in rapporto 2:1 a Doxorubicina liposomale pegilata ( 50 mg/m2 per via intravenosa una volta ogni 28 giorni ) con o senza Vintafolide ( 2.5 mg per via intravenosa 3 volte a settimana nelle settimane 1 e 3 ).

La scansione con Etarfolatide era opzionale.

L’obiettivo primario dello studio era confrontare la sopravvivenza libera da progressione tra i gruppi.

La popolazione per intent-to-treat comprendeva 149 pazienti.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 5.0 e 2.7 mesi, rispettivamente, per i gruppi Vintafolide più Doxorubicina liposomale pegilata e Doxorubicina liposomale pegilata da sola, ( hazard ratio, HR=0.63; P=0.031 ).

Il maggiore beneficio è stato osservato in pazienti con il 100% delle lesioni positive per il recettore del folato, con una sopravvivenza mediana libera da malattia di 5.5 rispetto a 1.5 mesi per Doxorubicina liposomale pegilata da sola ( HR=0.38; P=0.013 ).

Il gruppo di pazienti con malattia positiva per il recettore del folato ( 10-90% ) ha mostrato un miglioramento nella sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.873 ), mentre le pazienti con malattia che non esprimeva il recettore non hanno ottenuto alcun beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione ( HR=1.806 ).

In conclusione, Vintafolide più Doxorubicina liposomale pegilata è la prima combinazione che ha mostrato un miglioramento rispetto alla terapia standard in uno studio randomizzato condotto su pazienti con carcinoma ovarico resistente al Platino.
Etarfolatide è in grado di identificare le pazienti che potranno trarre beneficio da Vintafolide. ( Xagena2013 )

Naumann RW et al, J Clin Oncol 2013; 31: 4400-4406

Onco2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro