Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoDermatologia

Cancro epiteliale dell’ovaio primario: alopecia come marcatore surrogato della risposta alla chemioterapia


L’alopecia è un effetto collaterale comune della chemioterapia e influisce negativamente sulla qualità di vita dei malati di cancro.
Alcuni pazienti e medici ritengono che l'alopecia potrebbe essere un marker surrogato per la risposta alla chemioterapia e impatto sulla prognosi. Tuttavia, questo non è mai stato testato in una coorte di pazienti con tumore ovarico sufficientemente ampia.

Sono stati analizzati retrospettivamente i dati di quattro studi prospettici randomizzati di fase III con chemioterapia di prima linea basata su Platino e taxani nelle pazienti con tumore ovarico epiteliale in fase avanzata per quanto riguarda l'impatto della alopecia sull’esito globale.

L’alopecia è stata documentata sul 92% ( n=4705 ) dei pazienti con tumore epiteliale dell’ovaio.
Un totale di 5114 pazienti erano stati trattati con una mediana di sei cicli di chemioterapia a base di Platino e taxano ( range 0-11 ); di questi 4186 ( 89.0%) hanno completato i 6 cicli.
Alopecia di grado 0 ( peggiore ) ha interessato il 2.4% dei pazienti, alopecia di grado 1 il 2.9% e alopecia di grado 2 il 94.7%.


In un'analisi univariata, inclusi tutti i pazienti, l’alopecia di grado 0/1 è risultata associata a una sopravvivenza libera da progressione e a una sopravvivenza globale significativamente più bassa, rispetto all’alopecia di grado 2.

Tuttavia al momento di valutare solo i pazienti che hanno completato i 6 cicli di chemioterapia, l’alopecia non ha dimostrato un impatto significativo sulla sopravvivenza all'analisi multivariata.

Il tempo di insorgenza della alopecia è risultato essere un fattore prognostico indipendente di sopravvivenza: i pazienti che hanno sviluppato alopecia di grado 2 al ciclo 3 hanno avuto una sopravvivenza globale significativamente più prolungata rispetto ai pazienti che hanno manifestato alopecia più tardi durante la terapia ( hazard ratio, HR=1.25; 95% intervallo di confidenza: 1.04-1.50)

In conclusione, in una grande coorte di pazienti con cancro epiteliale dell’ovaio con chemioterapia di prima linea a base di Platino e a base di taxani, l’insorgenza precoce della alopecia sembra essere significativamente associata a un esito più favorevole in quei pazienti che hanno completato 6 cicli di chemioterapia.
Resta da chiarire se l’esordio precoce della alopecia sia solo un marcatore surrogato per una più alta sensibilità alla chemioterapia o se altri effetti biologici siano coinvolti. ( Xagena2015 )

Sehouli J et al, Eur J Cancer 2015; Epub ahead of print

Dermo2015 Onco2015 Gyne2015 Farma2015


Indietro