Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoPneumologia
Tumore Vescica

Bevacizumab più chemioterapia neoadiuvante per il cancro al seno HER2-negativo infiammatorio


L'aggiunta di Bevacizumab ( Avastin ) alla chemioterapia standard come neoadiuvante nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-negativo migliora la sopravvivenza libera da progressione e la percentuale di pazienti che hanno raggiunto risposta completa patologica.
Nello studio BEVERLY-1 è stata valutata l'aggiunta di Bevacizumab alla chemioterapia neoadiuvante e adiuvante nel trattamento di pazienti con cancro al seno infiammatorio HER2-negativo.

È stato effettuato lo studio di fase 2 a braccio singolo in 20 ospedali in Francia.

Sono state arruolate donne di età di 18 anni o più anziane con tumore alla mammella infiammatorio non-metastatico HER2-negativo.

Le pazienti sono state sottoposte a cicli di 3 settimane di trattamento, ricevendo Fluorouracile endovenoso neoadiuvante ( 500 mg/m2 ), Epirubicina ( 100 mg/m2 ), Ciclofosfamide ( 500 mg/m2 ) e Bevacizumab ( 15 mg/kg ) durante i cicli 1- 4, quindi Docetaxel ( 100 mg/m2 ) e Bevacizumab durante i cicli 5-8.

2-4 settimane dopo l'intervento chirurgico, le pazienti sono state trattate con radioterapia adiuvante, terapia ormonale ( se avevano un tumore positivo per il recettore dell’ormone ) e Bevacizumab per via endovenosa adiuvante.

L'endpoint primario era la risposta patologica completa nei linfonodi della mammella e ascellari dopo il trattamento neoadiuvante, determinata dopo revisione in conformità secondo la classificazione Sataloff e valutata nella popolazione intention-to-treat.
L’analisi degli effetti tossici ha incluso tutte le pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Bevacizumab.

Tra il 2009 e il 2010 sono state arruolate 100 pazienti nell'analisi per l’endpoint primario.

Dopo la terapia neoadiuvante, 19 pazienti ( 19%; P=0.16 ) su 100 hanno raggiunto una risposta patologica completa secondo la revisione.

Gli eventi di grado 3-4 più frequenti durante la fase neoadiuvante sono stati neutropenia ( 89 su 100 pazienti, 89% ), neutropenia febbrile ( 37, 37% ) e mucosite ( 23, 23% ) e durante la fase adiuvante l’evento avverso di grado 3-4 più frequente è stata la proteinuria ( 5 su 75 pazienti, 7% ).

Una delle pazienti ( 1% ) è morta di microangiopatia trombotica dopo il ciclo 1, probabilmente in relazione a Bevacizumab.
Due pazienti ( 3% ) hanno sviluppato insufficienza cardiaca transitoria.
48 ( 48% ) pazienti hanno presentato eventi avversi gravi, il più frequente dei quali era la neutropenia febbrile ( 28, 28% ).

I risultati suggeriscono che l'aggiunta di Bevacizumab alla chemioterapia neoadiuvante e adiuvante non fornisce un beneficio clinico alle pazienti con cancro al seno HER2-negativo infiammatorio non-metastatico.
Sono necessari follow-up più lunghi e studi di correlazione per identificare le pazienti che possono beneficiare di Bevacizumab. ( Xagena2016 )

Bertucci F et al, Lancet Oncology 2016; 17: 600-611

Gyne2016 Onco2016 Farma2016


Indietro