Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore Ovaie

Afatinib più Vinorelbina rispetto a Trastuzumab più Vinorelbina in pazienti con tumore mammario metastatico con iperespressione di HER2 che aveva progredito dopo un precedente trattamento con Trastuzumab


La resistenza a Trastuzumab ( Herceptin ) è una sfida terapeutica fondamentale nel carcinoma mammario metastatico.
Si è ipotizzato che una più ampia inibizione dei recettori ErbB con Afatinib ( Giotrif ) possa migliorare i risultati clinici rispetto alla inibizione di HER2 da sola nelle pazienti che avevano progredito dopo un precedente trattamento con Trastuzumab.

Lo studio LUX-Breast 1 ha confrontato Afatinib più Vinorelbina con Trastuzumab più Vinorelbina in queste pazienti con carcinoma alla mammella metastatico HER2-positivo.

Lo studio è stato effettuato in aperto presso 350 ospedali in 41 Paesi in tutto il mondo.
Sono stati arruolati pazienti di sesso femminile con tumore alla mammella metastatico con iperespressione di HER2 che era progredito durante o dopo Trastuzumab adiuvante o trattamento di prima linea della malattia metastatica con Trastuzumab.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Afatinib orale ( 40 mg/die ) più Vinorelbina per via endovenosa ( 25 mg/m2 alla settimana ) oppure Trastuzumab per via endovenosa ( 2 mg/kg alla settimana dopo la dose di carico di 4 mg/kg ) più Vinorelbina.

La randomizzazione è stata effettuata stratificando per un precedente trattamento con Trastuzumab ( adiuvante vs trattamento di prima linea ), per lo stato dei recettori ormonali ( positivo al recettore degli estrogeni e recettore del progesterone vs altri ), e per la regione.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, valutata nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2010 e il 2013 sono state arruolate 508 pazienti: 339 assegnate al gruppo Afatinib e 169 assegnate al gruppo Trastuzumab.
Il reclutamento è stato interrotto nel 2013 dopo una valutazione del rischio-beneficio sfavorevole nel gruppo Afatinib.

Le pazienti trattate con Afatinib più Vinorelbina sono passate a Trastuzumab più Vinorelbina, Afatinib in monoterapia, Vinorelbina in monoterapia, o a ricevere un trattamento al di fuori dello studio.

Il follow-up mediano è stato di 9.3 mesi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.5 mesi nel gruppo Afatinib e di 5.6 mesi nel gruppo Trastuzumab ( hazard ratio, HR=1.10 P=0.43 ).

I più comuni eventi avversi correlati al farmaco di grado 3 o superiore sono stati neutropenia ( 190 su 337 pazienti nel gruppo Afatinib [ 56% ] vs 102 su 169 pazienti nel gruppo Trastuzumab [ 60% ] ), leucopenia ( 64, 19%, vs 34, 20% ) e diarrea ( 60, 18%, vs nessuno ).

La terapia a base di Trastuzumab rimane il trattamento di scelta per i pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo progredito con Trastuzumab. ( Xagena2016 )

Harbeck N et al, Lancet 2016; 17: 357-366

Onco2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro