Bayer Banner
Gilead Banner
Natera Banner
Tumore prostata

Risultati ricerca per "Carcinoma ovarico"

La chemioterapia intraperitoneale ha dimostrato di essere efficace nel ridurre la mortalità nelle pazienti con tumore epiteliale ovarico avanzato, ma non è ampiamente utilizzata nella pratica. È st ...


Le doppiette a base di Platino con Bevacizumab ( Avastin ) concomitante e di mantenimento sono la terapia standard per carcinoma ovarico recidivante dopo un intervallo libero da Platino ( PFI ) superi ...


Nonostante i progressi terapeutici, gli esiti per le pazienti con tumore all'ovaio resistente / refrattario al Platino rimangono sfavorevoli. La modulazione selettiva dei recettori dei glucocorticoi ...


Le pazienti con carcinoma ovarico sieroso di alto grado resistente o refrattario al Platino ( PR-HGSC ) hanno una prognosi infausta e poche opzioni terapeutiche. Gli studi preclinici supportano il t ...


Nello studio SOLO1/GOG 3004, la terapia di mantenimento con l'inibitore PARP ( poli-ADP-ribosio polimerasi ) Olaparib ( Lynparza ) ha fornito un vantaggio in termini di sopravvivenza libera da progres ...


Uno studio di fase III ha esplorato l'efficacia e la sicurezza di Fuzuloparib ( precedentemente Fluzoparib; AiRuiYi ) rispetto al placebo come trattamento di mantenimento dopo la risposta alla chemiot ...


Pochi studi prospettici hanno confrontato gli inibitori PARP [( Poli-(ADP-ribosio)-polimerasi ] con la chemioterapia per il trattamento del carcinoma ovarico BRCA1-mutato o BRCA2-mutato. È stato val ...


C'è un'elevata necessità insoddisfatta di regimi di trattamento che aumentino le possibilità di remissione a lungo termine e possibilmente di curare le donne con tumore ovarico avanzato di nuova diagn ...


Uno studio di fase III, multicentrico, randomizzato, in aperto ha studiato l'efficacia e la sicurezza di Nivolumab ( Opdivo ) rispetto alla chemioterapia ( Gemcitabina [ GEM ] o Doxorubicina liposomia ...


Olaparib ( Lynparza ), un inibitore della poli-ADP-ribosio polimerasi ( PARP ), ha precedentemente dimostrato di estendere la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), rispetto al placebo, quando ...


È stata valutata l'aggiunta dell'anticorpo monoclonale umanizzato anti-PD-L1 Atezolizumab ( Tecentriq ) alla chemioterapia a base di Platino e al Bevacizumab ( Avastin ) nel tumore ovarico di stadio I ...


Nello studio SOLO1, Olaparib ( Lynparza ) come terapia di mantenimento ( 300 mg due volte al giorno ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per le pazienti c ...


Nello studio ARIEL3, il trattamento di mantenimento con Rucaparib ( Rubraca ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo. Sono stati riportati endpoi ...


Dall' analisi aggiornata dello studio di fase 1 GARNET è emersa un'attività clinica promettente dell'inibitore PD-1, Dostarlimab, con risultati clinicamente significativi, in donne con carcinoma endom ...


Nei pazienti con carcinoma ovarico sieroso di alto grado ci sono dati limitati sull'uso di inibitori della poli ADP-ribosio polimerasi come Veliparib in associazione alla chemioterapia seguita da mant ...