Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Tumori testa-collo
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario

Analisi a lungo termine della sicurezza cardiaca di Trastuzumab adiuvante


È stato trovato un significativo miglioramento dei risultati di sopravvivenza con l'aggiunta di Trastuzumab ( Herceptin ) alla chemioterapia adiuvante per il trattamento del tumore mammario in fase iniziale positivo al recettore del fattore di crescita dell’epidermide umano 2 ( HER2 ).
Tuttavia, Trastuzumab può aumentare il rischio di tossicità cardiaca, ed è necessaria la valutazione a lungo termine dei suoi fattori di incidenza e di rischio.

Lo studio NCCTG ( Alliance ) N9831 ha confrontato Doxorubicina adiuvante e Ciclofosfamide ( AC ) seguito da Paclitaxel settimanale ( braccio A ); Paclitaxel poi Trastuzumab ( braccio B ); o Paclitaxel più Trastuzumab seguito da Trastuzumab da solo ( braccio C ) nei pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo.

L’incidenza cumulativa di eventi cardiaci ( CE ) e la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) sono state valutate in 1.944 donne che hanno proceduto alla terapia post- Doxorubicina e Ciclofosfamide.
I fattori di rischio per la tossicità cardiaca indotta da Trastuzumab sono stati individuati da modelli di regressione di Cox.

L'incidenza cumulativa a 6 anni di eventi cardiaci è stata dello 0.6% nel braccio A, del 2.8% nel braccio B, e del 3.4% nel braccio C.

A un follow-up mediano di 9.2 anni, si sono verificate solo due diagnosi supplementari ( su 1.046 pazienti ) di insufficienza cardiaca congestizia oltre il tempo di follow-up precedentemente segnalato di 3.75 anni.

La frazione di eiezione del ventricolo sinistro è stata recuperata nella maggior parte dei pazienti che hanno sviluppato insufficienza cardiaca cronica.

Ci sono stati due morti cardiache nel braccio A e una morte cardiaca per ciascun braccio B e C.

L'età di 60 anni o più, la FEVS all’arruolamento inferiore al 65%, e l'uso di farmaci antipertensivi sono risultati associati a un aumentato rischio di eventi cardiaci nei bracci B e C.

In conclusione, l'incidenza cumulativa di eventi cardiaci a 6 anni è risultata leggermente superiore con l'aggiunta di Trastuzumab; tuttavia, lo sviluppo tardivo di eventi cardiaci è infrequente.
Trastuzumab ( nel contesto di una terapia con antracicline e taxani ) continua ad avere un rapporto rischio-beneficio favorevole. ( Xagena2016 )

Advani PP et al, J Clin Oncol 2016; 34: 581-587

Onco2016 Gyne2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro